Logo

Tar Sicilia: 'No raccolta gioco senza licenza Pubblica sicurezza'

Il Tar Sicilia ricorda che non si può svolgere attività di raccolta di gioco lecito senza concessione e senza autorizzazione di Pubblica sicurezza.

 


"L’attività di raccolta di gioco lecito richiede sia la concessione da parte del Ministero dell’economia e delle finanze, sia l’autorizzazione di Pubblica sicurezza di cui al Tulps".


Lo ricorda il Tar Sicilia nel respingere l’istanza di misure cautelari avanzata da un esercente contro il Ministero dell’Interno, per l’annullamento del provvedimento del Questore di Ragusa che ha disposto la cessazione dell’attività di raccolta di gioco.


I giudici evidenziano che "risulta che il ricorrente non è in possesso di autorizzazione di Pubblica sicurezza e che ha operato anche per conto di soggetti non titolari di concessione" e che "risultano ulteriori violazioni delle norme di cui all’art. 110 Tulps".

In conclusione, il Collegio "manda la Segreteria di trasmettere alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ragusa copia della presente ordinanza e degli atti del giudizio, per le valutazioni di competenza", ritenuto "che nella fattispecie possano ravvisarsi aspetti penalmente rilevanti".

 

 

© Copyright 2017 GiocoNews.it powered by GNMedia s.r.l. P.iva 01419700552. Tutti i diritti riservati.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.