Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Tar Sardegna: 'Sestu, limiti orari al gioco non sono sproporzionati'

  • Scritto da Amr

Il Tar Sardegna conferma la legittimità dei limiti orari al gioco fissati dal Comune di Sestu, in provincia di Cagliari.

"Non vi sono" i presupposti per considerare "sproporzionata la nuova limitazione dell’orario di svolgimento del gioco d’azzardo: a fronte di un fenomeno – quale la ludopatia – ampiamente diffuso e pericoloso, parte ricorrente si è sostanzialmente limitata a definire i nuovi orari forieri di eccessivi svantaggi per la propria attività economica; in sostanza la tesi si risolve nel tentativo di sostituire le proprie valutazioni a quelle di merito operate dall’Amministrazione, il che ovviamente non può trovare condivisione in questa sede".

Lo afferma con sentenza il Tar Sardegna, nel respingere il ricorso che un operatore aveva presentato contro i limiti orari del Comune di Sestu (Cagliari), posti con un'ordinanza che prevede l'attività di sale e apparecchi da gioco dalle ore 9 alle ore 12 e dalle ora 18 alle ore 23.
Il Tar osserva che "La libertà di iniziativa economica trova limite, per espressa previsione di cui all’art. 41 della Carta costituzionale, nel divieto di arrecare pregiudizio all'utilità sociale ovvero alla sicurezza, alla libertà e alla dignità umane, tanto che il legislatore ha il precipuo compito di individuare i necessari contemperamenti tra le contrapposte necessità; di qui numerose disposizioni normative che sottopongono le attività economiche a restrizioni volte a tutelare la salute e la sicurezza dei cittadini, nonché altri valori di rilievo generale".

 

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.