Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Trga Bolzano: 'Rimozione giochi leciti, udienza a gennaio 2020'

  • Scritto da Fm

Il Trga di Bolzano rinvia a gennaio 2020 la discussione nel merito del ricorso di un esercente contro la rimozione dei giochi leciti decisa dal Comune.

È stata fissata per l’udienza pubblica del 22 gennaio 2020 la discussione di merito del ricorso presentato da un esercente contro l'atto definitivo di rimozione dei giochi leciti emesso dal Comune di Bolzano.

A stabilirlo il Tribunale Regionale di Giustizia Amministrativa del capoluogo altoatesino, con un'ordinanza che segue quella di qualche giorno fa.

 

I giudici ricordano che “con istanza di data 21 febbraio 2019, parte ricorrente ha chiesto un rinvio della discussione del ricorso, essendo prendenti davanti a questo Trga altre cause con medesimo oggetto, le quali sono state rinviate in attesa della pubblicazione della decisione del Consiglio di Stato su vertenze concernenti la medesima questione del c.d. Distanziometro; poco dopo la presentazione della suddetta istanza, in data 11 marzo 2019, il Consiglio di Stato, Sez. VI, ha pubblicato la sentenza n. 1618/2019; all’udienza pubblica del 20 marzo 2019 la difesa della ricorrente ha insistito comunque nella propria istanza di rinvio, per poter prendere posizione sulle motivazioni contenute nella sopra citata decisione del Consiglio di Stato, tenuto conto che la sentenza è stata pubblicata in data successiva alla scadenza del termine di legge per depositare memorie conclusive nel presente ricorso; la difesa dell’Amministrazione provinciale ha rimesso ogni decisione al Collegio, mentre la difesa dell’Amministrazione comunale si è opposta al rinvio, insistendo per la decisione della causa”.
 
 
Il rinvio chiesto, da un lato, non pregiudica in alcun modo gli interessi pubblici coinvolti, posto che gli effetti degli atti impugnati non sono mai stati sospesi, e, dall’altro lato, salvaguarda il diritto di difesa della ricorrente”, conclude l'ordinanza.
 
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.