Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

CdS: 'Gioco, limite a 8 ore proporzionato e sostenibile'

  • Scritto da Fm

Nuova conferma del Consiglio di Stato dei limiti orari al gioco per 8 ore, citati come precedenti i casi di Torino e Domodossola (Vb).

“Il contenimento dell’orario di apertura di una sala giochi entro il limite di 8 ore giornaliere, come nel caso di specie, è rispettoso in concreto del principio di proporzionalità, in funzione del quale i diritti e le libertà dei cittadini possono essere limitati solo nella misura in cui ciò risulti indispensabile per proteggere gli interessi pubblici, e per il tempo necessario e commisurato al raggiungimento dello scopo prefissato dalla legge”.

 

A ribadirlo è il Consiglio di Stato, prendendo “in prestito” il principio già espresso in relazione all'ordinanza sindacale sul gioco di Torino, per respingere l'appello  di una società per la riforma della sentenza del Tar Veneto che ha dichiarato irricevibile il ricorso contro l’ordinanza del 2016 del Comune di Castelnuovo del Garda (Vr) che ha determinato gli orari di esercizio delle sale giochi e gli orari di funzionamento (accensione e spegnimento) degli apparecchi con vincita in denaro.
 
 
I giudici poi ricordano un'altra sentenza di conferma delle fasce orarie fissate per ordinanza sindacale. Quella che nel 2018 ha confermato la limitazione di apertura a 8 ore giornaliere per le sale giochi stabilita dal Comune di Domodossola (Vb) “perché pur comportando, certamente, una riduzione dei ricavi, e, in questo senso, un costo per i privati, può essere efficacemente sostenuta mediante una diversa organizzazione dell'attività di impresa”.
 
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.