Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Gap, commissione Sanità lombarda esamina le Pdl Monti e Mazzali

  • Scritto da Redazione

Presto sui banchi del consiglio regionale della Lombardia le proposte di legge per il contrasto alle dipendenze patologiche, al via l'esame in commissione Sanità.

Avviato, come da programma, l'esame, da parte della commissione Sanità del consiglio regionale della Lombardia, delle due proposte di legge in materia di gioco d'azzardo patologico e dipendenze, presentate dai consiglieri Emanuele Monti della Lega e Barbara Mazzali di Fratelli d'Italia. Nella seduta di mercoledì 23 settembre, i due progetti sono stati illustrati ai membri della commissione competente, mentre il dibattito è stato rimandato alla prossima seduta, che si terrà probabilmente la prossima settimana.

 

COSA PREVEDONO LE PROPOSTE MAZZALI E MONTI - Mazzali, in particolare chiede di “accrescere efficacia ed efficienza dell’intervento della Regione in questo ambito cruciale per lo sviluppo della Lombardia tutta e di ciascuno dei suoi territori. Il sistema si avvale di organi regionali – previsti all’art. 2 – nella forma della Consulta e dell’Osservatorio, per potenziare la governance del sistema, per funzioni di monitoraggio e consultazione, per funzioni di promozione”. Tra le altre cose, nel progetto Mazzali è prevista l'istituzione di coordinamenti territoriali per le dipendenze, presso le Agenzie di tutela della salute. Monti auspica un'azione di sistema: al centro dell'azione di cura e prevenzione delle dipendenze c'è la Regione Lombardia, che promuove, disciplina e coordina le attività dei soggetti pubblici e privati accreditati operanti nel settore. Nella sua relazione di accompagnamento alla Pdl il consigliere leghista sottolinea un dato molto significativo per comprendere la portata delle diverse dipendenze patologiche sul territorio regionale, ricordando che nel 2019 i giocatori patologici in cura in Lombardia si fermano a quota 2.613 (447 femmine e 2.166 maschi) su un totale di 49.597 soggetti fra tossicodipendenti (28.775), alcolisti (10.383) e soggetti con altre forme di dipendenza.
 
Ora che il testo delle due proposte è a disposizione dei consiglieri della III commissione, gli stessi componenti avranno modo di esaminarle ed eventualmente avanzare delle modifiche da portare all'attenzione dei colleghi consiglieri. Le varie forze politiche rappresentate all'interno della commissione Sanità si confronteranno dunque sulla materia e, una volta che si arriverà alla stesura definitiva, con i testi eventualmente emendati e votati a maggioranza dall'organismo presieduto da Monti (Lega), questi approderanno sui banchi del consiglio per la discussione in aula da parte dell'intera assemblea.
 
Della commissione che sta esaminando le due proposte di legge fa parte anche il pentastellato Luigi Picirillo che alla fine di luglio aveva chiesto alla giunta un'analisi epidemiologica per valutare intanto l’efficacia delle ordinanze di riduzione temporale dell’offerta di gioco.
 

 

 

Share