Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Piano resilienza e lotta al Gap, Sapar: 'Ecco la verità sulle dipendenze'

  • Scritto da Redazione

L'associazione nazionale gestori dei giochi di Stato Sapar: 'La lotta alla ludopatia è doverosa, ma le vere dipendenze sono altre e lo dimostrano i numeri'.

Riguarderà in particolare la salute l'annunciato Piano di ripresa e resilienza annunciato dal Governo italiano e le cui linee guida sono attualmente al vaglio della XII commissione del Senato (Igiene e sanità). Esprimendo parere favorevole, tra le osservazioni, l'organismo parlamentare presieduto dalla senatrice di Iv-Psi, Annamaria Parente, ha indicato "la necessità di un’attenzione particolare al malessere giovanile, al disagio, alla violenza, ai disturbi del comportamento alimentare, investendo ancora di più sui programmi di contrasto alle dipendenze, quali droga, alcol, gioco d’azzardo e social".

Questo il passaggio che, in qualche modo, ha fatto storcere il naso alla Sapar, associazione nazionale gestori dei giochi di Stato che con un post su Facebook ha inteso entrare nel dibattito: "Che la Commissione Affari Sociali del Senato voglia approfittare del valanga di soldi che arriveranno dal Recovery fund per combattere le dipendenze non può che farci piacere. E anche che abbiano sollecitato un intervento per la dipendenza al 'gioco d’azzardo' (leggesi gioco di Stato). Come Sapar da anni abbiamo sempre ritenuto in tutte le sedi che la lotta alla ludopatia fosse non solo necessaria ma anche doverosa. Quello che ci lascia un attimo perplessi - precisano - è come la commissione abbia 'elegantemente' associato dipendenze che hanno ordini di grandezza differenti anche di 10 volte . Nello specifico 'dimenticano' il fumo che ha oltre 10milioni di italiani dipendenti (fonte istat). Equiparano gli italiani che hanno problemi con l’alcol (oltre 8milioni) - proseguono da Sapar - con chi gioca troppo ovvero 1,5 milioni che ricordiamo non sono ludopatici, che sono invece 24mila in cura in Italia (fonte Istituto superiore di sanità). Ovviamente che il gioco sia solo all’ottavo posto di questo elenco assortito e variegato non sembra interessare la commissione al punto di evitare di associarlo ad alcol e droga".

 
A questo link, messo a disposizione dalla stessa Sapar, tutte le dipendenze e relativi numeri che fonti certe certificate.

 

Share