Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Poli Bortone (Grande Sud): "Eliminare gli spot sul gioco, Stato non speculi su povertà"

  • Scritto da Sm

poli_bortone_adriana_191Sul rapporto gioco e comunicazione si schiera anche la senatrice Adriana Poli Bortone. "Non è consentito che lo Stato, per fare cassa, speculi sulle povertà. Per questo vanno eliminati totalmente gli spot sui giochi d'azzardo", afferma la cofondatrice di Grande Sud. "Su questo - aggiunge - non bisogna essere ipocriti prevedendo delle forme promozionali che abbiano solo l'intento di limitare il danno provocato, ben sapendo che il risultato sarebbe scarso".

Il Terzo Polo chiede la rimozione della campagna ‘Giovani e Gioco’

GUARDA L'INTERVISTA AL MINISTRO RICCARDI

GUARDA L'INTERVISTA AL MINISTRO BALDUZZI

GUARDA L'INTERVISTA ALLA SENATRICE EMANUELA BAIO

GUARDA L'INTERVENTO DEL PRESIDENTE UDC ROCCO BUTTIGLIONE

Nel convegno di ieri a Roma promosso dal Terzo Polo e che ha visto la partecipazione di alcuni esponenti del Governo, come il ministro per la cooperazione e l'integrazione Andrea Riccardi e quello della salute, Renato Balduzzi, si è messo l'accento sulla volontà da parte dell'esecutivo di limitare l'uso della pubblicità in materia di gioco, prevedendo così delle forme di tutela per i consumatori, in particolare per i minori.

 

"Chi gioca deve essere consapevole che gioca - afferma Riccardi ai microfoni di gioconews.it - non che vince. Non c'è quella sicurezza di vittoria facile che viene trasmessa dalla pubblicità. Siamo in un momento in cui siamo vulnerabili, momento di crisi economica, allora il messaggio rassicurante del gioco non può pescare in questa fragilità profonda che c'è in ciascuno di noi. E di questo non ci si può approfittare".

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.