Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Decreto fiscale, oggi possibile fiducia in Senato, Baio “Massima attenzione a informazione del giocatore”

  • Scritto da Amr

senato2Sono circa 650, di cui 31 all'articolo 10, gli emendamenti presentati al decreto fiscale il cui esame da parte dell'Aula del Senato è cominciata ieri. Nel corso del suo intervento in aula la senatrice Emanuela Baio (Terzo Polo) ha espresso "un apprezzamento convinto per quanto riguarda la materia del gioco d'azzardo, un tema sul quale mi sono spesa molto, insieme a molti altri colleghi, negli ultimi anni e mesi. Nell'articolo 10 si parla di potenziamento dell'accertamento in materia di giochi, e questo è positivo".

Decreto semplificazioni, la Camera vota il via libera

Dl fiscale, passa l'emendamento che fa slittare la tassa sulla fortuna

Idv, fondo per spese impreviste: aumento Preu sui giochi

"Si tratta della previsione della possibilità che i dipendenti dell'amministrazione dello Stato - la Guardia di finanza, la Polizia di Stato e i Carabinieri - possano - lasciatemi usare questo termine poco adatto in una sede come l'Aula - spacciarsi per giocatori presso i locali in cui si effettuano scommesse, in cui sono installati apparecchi di intrattenimento, al fine di acquisire elementi di prova in ordine alla esistenza e alla consumazione di violazioni in materia di giochi, nonché per verificare il rispetto del divieto di gioco ai minori di 18 anni. Si prevede l'ampliamento del novero dei reati che precludono l'accesso alle gare per il rilascio e il rinnovo e ora anche per il mantenimento delle concessioni, ricomprendendo non solo i reati di stampo mafioso, ma anche la frode fiscale e i reati contro il patrimonio e la pubblica amministrazione. Si tratta di disposizioni di indubbia rilevanza, volte al contrasto del gioco illegale e degli intrecci familiari criminosi nell'ambito delle società concessionarie. È necessario però che il Governo decida - avremmo voluto che accettasse un altro emendamento e poniamo anche questo all'attenzione - di destinare l'un per cento delle entrate erariali derivanti da tutte le tipologie di gioco alla prevenzione e alla cura di chi è affetto da dipendenza da gioco. L'aspetto preventivo è sicuramente molto più importante. Oggi siamo in presenza di un numero consistente di persone affette da dipendenza e da patologia da gioco. Sempre dentro questa concezione della società e animati dalla medesima finalità, insieme ai colleghi Digilio, De Luca Cristina e Gustavino, ho presentato un ordine del giorno volto ad impegnare il Governo ad inserire in modo chiaro e visibile, sui tagliandi delle lotterie istantanee e su ogni tipologia di tagliando di gioco o di videata, ivi compresi i giochi online, l'avvertenza che il gioco può creare dipendenza. Così come lo scriviamo sui pacchetti di sigarette, sarebbe bene che avvertissimo anche in questo senso. È doveroso infatti che, chi è dedito al gioco, sappia che, dietro questo aspetto ludico dell'esistenza, può celarsi il pericolo di una vera e propria dipendenza. Vedo in Aula il Presidente della Commissione antimafia, al quale ci appelliamo affinché solleciti all'interno del Governo questo fatto davvero importante".

 

Oggi l'assemblea di Palazzo Madama procederà all'esame dei testi ma non è escluso che il governo possa ricorrere al voto di fiducia, in considerazione dei tempi e del numero degli emendamenti presentati. Tra l'altro, ci sono anche tre ordini del giorno relativi all'articolo 10.

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.