Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Pubblicità del gioco e cura ludopatia, inizia l’iter in commissione del ddl Fucci

  • Scritto da Amr

fuccifrancescoIl progetto di legge presentato lo scorso 5 aprile dal deputato del Pdl Benedetto Francesco Fucci sul ‘Divieto della propaganda pubblicitaria del gioco d’azzardo e norme per la prevenzione e la cura della ludopatia’ è stato assegnato alle Commissioni riunite Finanze e Attività produttive della Camera, con il parere delle Commissioni Affari costituzionali, Giustizia, Bilancio, Cultura, Trasporti, Affari sociali, Politiche dell’Unione europea e della Commissione parlamentare per le questioni regionali.

Pedica (Idv) chiede a Monti una revisione normativa per contrastare la presenza di mafie nel gioco

La proposta mira a introdurre nella legislazione italiana, come si legge nella premessa, “poche ma chiare norme per prevenire la ludopatia e, soprattutto, far conoscere agli italiani un tema dai forti risvolti socio-economici del quale si comincia finalmente a dibattere solo ora con colpevole ritardo”.

L'articolo 1 prevede l'inserimento delle cure per la ludopatia, proprio alla luce della sua forte incidenza sulla vita di chi ne è colpito a più livelli, tra le prestazioni di base erogate gratuitamente dal Servizio sanitario nazionale; l'articolo 2 prevede un sistema di etichettatura e cartelli informativi sui rischi del gioco compulsivo da inserire nei tagliandi delle lotterie; l'articolo 3 prevede il divieto di pubblicità per i giochi d'azzardo; l'articolo 4 prevede, anche finanziandole tramite i proventi delle sanzioni per chi violi i nuovi obblighi informativi, iniziative di informazione e soprattutto (cosa essenziale in chiave di prevenzione) di educazione da realizzare nelle scuole; infine l'articolo 5 reca le disposizioni per la copertura finanziaria.

“Lo spirito della presente proposta di legge - sottolinea Fucci - non è quello di demonizzare a priori un intero settore, qual è quello dei giochi, che oggettivamente ha molta importanza nel nostro Paese sia per le sue ricadute occupazionali che per i generosi proventi fiscali garantiti all'erario. Bisogna però prendere atto che in Italia, come dimostrano le statistiche, stanno crescendo situazioni di rischio nelle quali una sana e normale passione per scommesse e giochi viene sostituita da forme realmente patologiche di dipendenza dal gioco d'azzardo, a seguito delle quali intere famiglie possono risultare letteralmente rovinate. È rispetto a queste situazioni, certamente estreme ma ormai molto meno infrequenti di quanto si possa pensare, che intende intervenire la presente proposta di legge della quale si auspica, quindi, una sollecita approvazione”.

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.