Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Balduzzi (Min. Salute): “Poteri ai sindaci e limiti all'online prossimi interventi sul gioco”

  • Scritto da Alessio Crisantemi

Roma – Maggiori poteri ai sindaci e nuove regole o restrizioni per il gioco online. Sono queste le due linee d'azione che il Ministro della Salute e neo senatore, Renato Balduzzi, annuncia per quanto riguarda la trattazione del gioco pubblico nella prossima legislatura. Il ministro esprime le sue idee in una intervista rilasciata a Gioconews.it nella quale spiega chiaramente: “Quello di cui forse si sente più la necessità, in questo momento, quando si parla di regolamentazione del gioco pubblico, è un intervento che possa dare maggiori poteri ai sindaci o, comunque, agli enti locali, per intervenire sulla distribuzione dei giochi sul territorio”. L'altro tema, come detto, è quello del gioco online.

Maggi (Sgi): “Fronte comune contro illegalità, ma è errato puntare il dito contro il gioco online”

L'INTERVENTO DEL MINISTRO BALDUZZI ALLA PRESENTAZIONE DEL LIBRO DELL'ON. BINETTI

“Il gioco via internet è senza dubbio l'altro tema sul quale ci siamo resi conto che si debba prestare la massima attenzione e, quindi, nei confronti del quale si ritiene di dover intervenire in quanto questo canale di diffusione ha la caratteristica di essere più facilmente fruibile e, soprattutto, nel giocare in rete si ha la maggiore possibilità di isolamento da parte del giocatore che può chiudersi in casa e passare anche ore davanti a un pc”. Già ieri, in occasione della presentazione del libro dell'onorevole Paola Binetti, il ministro, intervenendo al dibattito, aveva spiegato la volontà di “cambiare la rotta del gioco pubblico”, precisando tuttavia di non pensare a un nuovo proibizionismo, che “avrebbe effetti devastanti per il paese, sia dal punto di vista erariale ma anche e soprattutto per i risvolti sociali”. Il ministro ha dunque precisato che il decreto che porta il suo nome rappresenta soltanto un primo passo verso questo cambiamento.

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.