Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Bologna, Pdl e Lega lanciano referendum e campagna web contro il gioco

  • Scritto da Fm

Si chiama 'Nontazzardare' la campagna lanciata dai consiglieri Pdl e Lega Nord del Comune di Bologna per chiedere al governo di abrogare la normativa vigente per il rilascio di concessioni per l'installazione di slot e vlt. Obiettivo dell'iniziativa, promossa sul sito nontazzardare.it, è raccogliere le 500mila firme necessarie a proporre un referendum nazionale.

 
 
 
 
Fra i promotori della campagna ci sono Lucia Borgonzoni (Lega nord), Michele Facci, Patrizio Gattuso e Lorenzo Tomassini (Pdl). "Le leggi in materia – afferma Tomassini - dal 2006 in poi si sono affastellate una sull’altra e di fatto, da un sostanziale proibizionismo, hanno portato ad una diffusione capillare del gioco, che ormai è diventato un negozio 'di vicinato': è più facile trovare un centro videolottery che un lattaio". Da qui, l'idea di una mobilitazione attraverso il web, all'insegna del motto "Non t'azzardare", creato da Andrea Giovannini, consigliere Pdl di 23 anni del quartiere al San Donato.
 
"Contiamo di avere tantissime adesioni e faremo le cose per bene – continua Tomassini -: ci sarà anche un comitato scientifico, siamo già in contatto con docenti di diritto costituzionale: vogliamo che il quesito del referendum sia ineccepibile". La raccolta 'materiale' delle firme invece potrà partire solo verso la fine dell'estate, una volta scaduto il termine di sei mesi dalle elezioni previsto dalle legge per la proposta di referendum abrogativi. Con ogni probabilità i 'banchetti' saranno allestiti fra il 25 agosto e il 30 settembre.
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.