Logo

Bergamo, Gori: 'Consumo di gioco in calo del 3,7%, ora attuare riordino'

Consumo di gioco in crescita in Lombardia e Provincia, a Bergamo in calo del 3,7 percento. Risparmio di quasi 12 milioni di euro in città nel 2017.

“I dati 2017 sono davvero confortanti, la strada da fare è ancora lunga, ma è evidente che le misure che abbiamo attivato in città sono efficaci, soprattutto se comparate a un quadro regionale e nazionale che esprime trend di crescita davvero preoccupanti. Fondamentale ora sarà attivare le misure del cosiddetto 'riordino Baretta', che prevede il dimezzamento dei punti gioco sul territorio nazionale. In attesa della sua attivazione, l’auspicio è che tutti i comuni lombardi, a cominciare da quelli che confinano con Bergamo, si dotino delle misure del nostro regolamento.”

Così Giorgio Gori, sindaco di Bergamo e candidato alla presidenza della Regione Lombardia, commenta la diffusione dei dati sul consumo di gioco nella sua città nel 2017, che ha registrato un calo del 3,7 percento. 
 
Un dato tanto "più significativo se comparato al +3,6 percento della Provincia di Bergamo (al netto del dato cittadino) e al +3,4 percento registrato in Regione Lombardia. La raccolta totale è quindi passata dai 317milioni di euro del 2016 ai 306milioni del 2017: un dato enorme, ma che finalmente fa segnare un segno negativo dopo anni di crescita senza controllo (basti pensare che nel 2016 – anno in cui è entrato in vigore il regolamento sul gioco – a Bergamo la crescita fu del +4 percento, nonostante la contrazione di gioco degli ultimi mesi dell’anno, a fronte di un trend nazionale che faceva segnare +8,7 percento)", si legge in una nota del Comune.
 
 
Nella provincia di Bergamo sono stati superati quasi 2 miliardi di euro (1,991 miliardi nel 2017), in Lombardia 18.111.818.756 euro, in Italia è stata superata quota 100miliardi (101.848.104.316 di euro) nel 2017 con tendenze di crescita costanti.
 
 "Il dato di Bergamo - prosegue la nota  - è tanto più importante se si considera quanto il regolamento approvato nel 2016 sia riuscito a incidere sui giochi che danno origine a patologie di gioco compulsivo: lo scorso anno la contrazione sull’uso delle Vlt, le slot machine più comuni, è stata del -7,7 percento, con una raccolta di ben 12milioni di euro in meno rispetto al 2016. Stesso discorso vale per le Awp, ovvero le slot che si trovano nelle tabaccherie e nei bar: il consumo di gioco scende ulteriormente, facendo segnare un notevole -14,2 percento rispetto all’anno precedente, con altri 9 milioni di euro risparmiati in città".
 
“Il calo del 14,2 percento del 2017 – continua Gori – va a sommarsi a quello del -11 percento dell’anno precedente, anno in cui è entrato in vigore il regolamento sul gioco. In definitiva nell’ultimo anno a Bergamo i nostri concittadini hanno risparmiato complessivamente quasi 12 milioni di euro che sono in parte confluiti in consumi e nell’economia reale della nostra città. Un risultato di fondamentale importanza”.
 
 
IN CRESCITA IN PROVINCIA E IN LOMBARDIA - Le Vlt hanno invece visto "crescere il proprio volume d’affari sia nel resto della provincia di Bergamo (+1,8 percento sul 2016 grazie al beneficio dei risultati di Bergamo, con 647milioni di euro raccolti) che nella regione Lombardia (+2,7 percento rispetto al 2016, con oltre 5,2 miliardi di euro raccolti). Contrazione invece anche sul territorio provinciale e regionale per quello che riguarda la Awp, anche se di un terzo rispetto ai numeri registrati nel Comune di Bergamo (-5 percento con 5 miliardi di euro raccolti in Lombardia e 571 milioni in Provincia - il tutto nonostante il beneficio arrecato dal calo nel Comune di Bergamo)".
 
 
 GRATTA E VINCI IN AUMENTO - “In questo quadro estremamente positivo, c’è però un dato sul quale vorrei esprimere rammarico: si tratta di quello relativo ai Gratta e Vinci, comparto nel quale nel 2016 si era registrato un positivo -7,8 percento per effetto del regolamento comunale. La sentenza del Tar che ha premiato il ricorso dei tabaccai purtroppo fa registrare nel 2017 +1,7 percento: è per me segno che fossimo sulla strada giusta e che dobbiamo trovare il modo di riprendere", sottolinea Gori.
 
 
I DATI SU SCOMMESSE E LOTTO - Cifre molto inferiori per quello che riguarda la spesa in scommesse online e sportive. A Bergamo si spendono 161 euro pro-capite in scommesse e l’intero comparto in città incide per il 6 percento sull’intero consumo di gioco (con 19 milioni di euro, cifre non lontanamente paragonabili a quelle di Vlt e Awp, che insieme rappresentano il 65 percento del gioco sul territorio cittadino). In Lombardia la spesa pro-capite in scommesse è stata di 157 euro pro-capite nel 2017 (1,57 miliardi di euro), in provincia di Bergamo 119 euro a testa (131 milioni di euro complessivi, +36,8 percento rispetto al 2016). In discesa anche la spesa per quello che riguarda Lotto, Superenalotto e Eurojackpot su tutto il territorio lombardo (153,7 milioni di euro raccolti nel 2017, -14,2 percento rispetto all’anno precedente, a Bergamo la contrazione è più marcata e si registra una discesa del -17,7 percento), ma questo dato cambia di anno in anno secondo i jackpot; in salita i cosiddetti giochi di abilità (poker, carte, ecc. che segnano un +16 percento anche se rappresentano solo il 10 percento dell’intero giocato).

Consumo di gioco in crescita in Lombardia e Provincia, a Bergamo calo del 3,7%: il regolamento sul gioco d’azzardo di Bergamo funziona

Risparmio di quasi 12 milioni di euro in città nel 2017

 

Il regolamento che disciplina il gioco d’azzardo nella città di Bergamo funziona: il Comune di Bergamo ha infatti registrato nel 2017 una contrazione sul consumo di gioco nell’area urbana, effetto dell’ordinanza approvata nell’estate 2016 e che ha disposto lo stop a diversi giochi in tre diverse fasce orarie della giornata (dalle 7,30 alle 9,30, dalle 12 alle 14 e dalle 19 alle 21), il divieto di pubblicità delle sale slot e delle vincite e campagne di sensibilizzazione della cittadinanza ad hoc.

-3,7%: questo il dato sul consumo di gioco complessivo in città, un dato tanto più significativo se comparato al +3,6% della Provincia di Bergamo (al netto del dato cittadino) e al +3,4% registrato in Regione Lombardia. La raccolta totale è quindi passata dai 317milioni di euro del 2016 ai 306milioni del 2017: un dato enorme, ma che finalmente fa segnare un segno negativo dopo anni di crescita senza controllo (basti pensare che nel 2016 – anno in cui è entrato in vigore il regolamento sul gioco – a Bergamo la crescita fu del +4%, nonostante la contrazione di gioco degli ultimi mesi dell’anno, a fronte di un trend nazionale che faceva segnare +8,7%).

“I dati 2017 sono davvero confortanti, – spiega il Sindaco di Bergamo Giorgio Gori – la strada da fare è ancora lunga, ma è evidente che le misure che abbiamo attivato in città sono efficaci, soprattutto se comparate a un quadro regionale e nazionale che esprime trend di crescita davvero preoccupanti. Fondamentale ora sarà attivare le misure del cosiddetto “riordino Baretta”, che prevede il dimezzamento dei punti gioco sul territorio nazionale. In attesa della sua attivazione, l’auspicio è che tutti i comuni lombardi, a cominciare da quelli che confinano con Bergamo, si dotino delle misure del nostro regolamento.”

Nella provincia di Bergamo sono stati bruciati quasi 2 miliardi di euro (1,991 miliardi nel 2017), in Lombardia ben 18.111.818.756 euro, in Italia è stata addirittura sfondata quota 100miliardi (101.848.104.316 di euro) nel 2017 con tendenze di crescita costanti.

Il dato di Bergamo è tanto più importante se si considera quanto il regolamento sia riuscito a incidere sui giochi che danno origine a patologie di gioco compulsivo: lo scorso anno la contrazione sull’uso delle VLT, le slot machine più comuni, è stata del -7,7%, con una raccolta di ben 12milioni di euro in meno rispetto al 2016. Stesso discorso vale per le AWP, ovvero le slot che si trovano nelle tabaccherie e nei bar: il consumo di gioco scende ulteriormente, facendo segnare un notevole -14,2% rispetto all’anno precedente, con altri 9 milioni di euro risparmiati in città.

“Il calo del 14,2% del 2017 – continua Gori – va a sommarsi a quello del -11% dell’anno precedente, anno in cui è entrato in vigore il regolamento sul gioco. In definitiva nell’ultimo anno a Bergamo i nostri concittadini hanno risparmiato complessivamente quasi 12 milioni di euro che sono in parte confluiti in consumi e nell’economia reale della nostra città. Un risultato di fondamentale importanza.”

Le VLT hanno invece visto crescere il proprio volume d’affari sia nel resto della Provincia di Bergamo (+1,8% sul 2016 grazie al beneficio dei risultati di Bergamo, con 647milioni di euro raccolti) che in Regione Lombardia (+2,7% rispetto al 2016, con oltre 5,2 miliardi di euro raccolti). Contrazione invece anche sul territorio provinciale e regionale per quello che riguarda la AWP, anche se di un terzo rispetto ai numeri registrati nel Comune di Bergamo (-5% con 5 miliardi di euro raccolti in Lombardia e 571milioni in Provincia - il tutto nonostante il beneficio arrecato dal calo nel Comune di Bergamo).

“In questo quadro estremamente positivo, c’è però un dato sul quale vorrei esprimere rammarico: – sottolinea Gori – si tratta di quello relativo ai Gratta e Vinci, comparto nel quale nel 2016 si era registrato un positivo -7,8% per effetto del regolamento comunale. La sentenza del TAR che ha premiato il ricorso dei tabaccai purtroppo fa registrare nel 2017 +1,7%: è per me segno che fossimo sulla strada giusta e che dobbiamo trovare il modo di riprendere.”

Cifre molto inferiori per quello che riguarda la spesa in scommesse online e sportive. A Bergamo si spendono 161 euro pro-capite in scommesse e l’intero comparto in città incide per il 6% sull’intero consumo di gioco (con 19milioni di euro, cifre non lontanamente paragonabili a quelle di VLT e AWP, che insieme rappresentano il 65% del gioco sul territorio cittadino). In Lombardia la spesa pro-capite in scommesse è stata di 157€ euro pro-capite nel 2017 (1,57 miliardi di euro), in Provincia di Bergamo 119€ a testa (131milioni di euro complessivi, +36,8% rispetto al 2016).

In discesa anche la spesa per quello che riguarda Lotto, Superenalotto e Eurojackpot su tutto il territorio lombardo (153,7 milioni di euro raccolti nel 2017, -14,2% rispetto all’anno precedente, a Bergamo la contrazione è più marcata e si registra una discesa del -17,7%), ma questo dato cambia di anno in anno secondo i jackpot; in salita i cosiddetti giochi di abilità (poker, carte, ecc. che segnano un +16% anche se rappresentano solo il 10% dell’intero giocato).

© Copyright 2017 GiocoNews.it powered by GNMedia s.r.l. P.iva 01419700552. Tutti i diritti riservati.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.