Logo

Dl fiscale, Bologna (M5S): 'Lotterie per la donazione al sociale'

La deputata Fabiola Bologna di M5S esamina in commissione Affari sociali il decreto fiscale sul gioco e terzo settore.

Ieri, mercoledì 5 dicembre, è iniziato l'esame del decreto fiscale in commissione Affari sociali.

Fabiola Bologna (M5S), relatrice, ieri, ha fatto presente che “il provvedimento di cui la commissione avvia l’esame ai fini dell’espressione del parere di competenza alla sesta commissione (Finanze), contiene diverse norme che afferiscono alle materie di competenza della dodicesima commissione (Affari sociali), anche a seguito delle modifiche apportate al provvedimento in esame nel corso dell’iter presso l’altro ramo del Parlamento”.

“Altre disposizioni – parla Bologna - relative agli enti del terzo settore sono contenute nell’articolo 18 del decreto-legge in oggetto, con riferimento alla possibilità, per tali enti, di effettuare lotterie al fine di finanziare progetti filantropici. In particolare, il comma 2-bis, inserito al Senato, stabilisce che gli enti del terzo settore possano effettuare lotterie finalizzate a sollecitare donazioni di importo non inferiore a 500 euro. Il ricavato è destinato ad alimentare i fondi degli enti per la realizzazione di progetti sociali. Il successivo comma 2-ter, anch’esso introdotto al Senato, demanda ad un decreto del ministero dell’Economia e delle Finanze, di concerto con il Ministero del lavoro e delle politiche sociali, la definizione delle modalità tecniche di realizzazione delle lotterie degli enti del terzo settore, con riferimento, in particolare, alle modalità di estrazione e di controllo. La vincita è costituita unicamente dal diritto di scegliere un progetto sociale, tra quelli da realizzare, cui associare il nome del vincitore, con relativo riconoscimento pubblico”.

 

© Copyright 2017 GiocoNews.it powered by GNMedia s.r.l. P.iva 01419700552. Tutti i diritti riservati.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.