Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Camera: 'Sì a ratifica convenzione su scommesse clandestine'

  • Scritto da Redazione

Pubblicato alla Camera il ddl 'Ratifica ed esecuzione della Convenzione del Consiglio d’Europa su sicurezza pubblica nello sport': focus su scommesse clandestine.

“Con il presente disegno di legge, il Governo chiede alle Camere l’autorizzazione alla ratifica della Convenzione del Consiglio d’Europa su un approccio integrato in materia di sicurezza fisica, sicurezza pubblica e assistenza alle partite di calcio ed altri eventi sportivi, fatta a Saint-Denis il 3 luglio 2016”.

È stato pubblicato alla Camera il disegno di legge “Ratifica ed esecuzione della Convenzione del Consiglio d’Europa su un approccio integrato in materia di sicurezza fisica, sicurezza pubblica e assistenza alle partite di calcio ed altri eventi sportivi, fatta a Saint-Denis il 3 luglio 2016”, che si pone come obiettivo quello di “garantire un ambiente accogliente e sicuro all’interno e all’esterno degli stadi, promuovendo una strategia e un approccio integrati e condivisi tra i soggetti pubblici e privati che hanno la responsabilità di garantire la sicurezza delle persone, di contrastare i comportamenti violenti e di assicurare servizi efficienti in occasione di eventi sportivi”.
 
“Il ministro dell’Interno – si legge ancora nel testo - in quanto autorità nazionale di pubblica sicurezza, è la massima autorità in materia di ordine e sicurezza pubblica, oltre ad esserne responsabile politico.
 
Adotta i provvedimenti per la tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica e coordina i compiti e le attività delle Forze di polizia. Il 13 dicembre 1989, dopo l’ennesimo episodio di violenza, è stata approvata la legge 13 dicembre 1989, numero 401, recante 'Interventi nel settore del gioco e delle scommesse clandestine e tutela della correttezza nello svolgimento delle manifestazioni sportive'.
 
La legge introduce, tra l’altro, il divieto di accesso per determinate persone (denunciate, condannate, con precedenti penali) ai luoghi dove si svolgono manifestazioni sportive, con la prescrizione di comparire presso l’ufficio di polizia del luogo di residenza durante lo svolgimento dell’evento stesso. Tale norma ha subìto nel tempo diverse modificazioni".

 

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.