Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Pubblicità gioco, Agcom al Governo: 'Criticità per vigilanza, serve riforma'

  • Scritto da Redazione

L'Agcom invia segnalazione al Governo su problematiche di vigilanza per attuazione del divieto di pubblicità al gioco ed auspica riforma organica della materia per tutelare consumatori.


“Tale segnalazione si rende necessaria a fronte delle problematiche interpretative generate da un divieto così ampio e assoluto”, relativo a “ogni forma di comunicazione commerciale concernente il gioco a pagamento.
Nonostante tale sforzo interpretativo, restano una serie di criticità che si ritiene opportuno segnalare al Legislatore laddove lo stesso intenda procedere ad una auspicabile riforma organica della materia che ne consenta una efficace implementazione in funzione di una reale tutela del consumatore”.

Lo scrive l'Agcom-Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, che è tornata sull'attuazione dell’articolo 9 del decreto Dignità in materia di pubblicità del gioco con vincita in denaro, approvando una segnalazione al Governo.

La segnalazione era stata già "annunciata" nella delibera relativa all'applicazione delle disposizioni del decreto Dignità pubblicata lo scorso 18 aprile, "stante la natura imperativa delle norme contenute nell’art. 9 del decreto e rilevate, anche a seguito della consultazione svolta, talune specifiche circostanze nelle quali si pongono criticità ai fini di una effettiva ed efficace azione di vigilanza e di contrasto al fenomeno della ludopatia".
 
Il tema è tornato sotto la lente della politica proprio in queste ultime ore, con la senatrice Paola Binetti (Udc) che ha segnalato "la difficile applicazione del divieto", l'interrogazione sulle linee guida dell'Agcom annunciata dal senatore Giovanni Endrizzi (M5S)  ed infine con i "nuovi interventi sul divieto al gioco" nel decreto delegato su pubblicità e sport ipotizzati da Marco Bellezza, consigliere giuridico del vice premier Luigi Di Maio.
 
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.