Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Manovra e giochi: approvati testi base dal CdM, stangata sul comparto

  • Scritto da Ac

E Il governo approva (salvo intese) il dl fisco e la legge di Bilancio: dalla nuova tassa sulla fortuna, al Preu, tante misure sui giochi.

Via libera "salvo intese" del Consiglio dei ministri alla legge di Bilancio per il 2020 e al decreto fiscale collegato alla manovra, con una serie di misure sui giochi. Dopo oltre quattro ore il governo è riuscito ad avviare formalmente la macchina di una manovra di bilancio 2020 che punta ad attestarsi sugli oltre 30 miliardi. Il Cdm ha dato l’ok al Documento programmatico di bilancio (Dpb), cioè il budget da inviare a Bruxelles, dove sono dettagliate le misure della manovra, composta, appunto dalla legge di bilancio e dal decreto fiscale, sui quali è stato avviato l’esame a Palazzo Chigi. A pesare fortemente sulla manovra è però l’incognita tecnica della proroga al 2020 di 3 miliardi di introiti da partite Iva e forfettari. Uno scenario di variabilità dal quale potranno scaturire molte misure ulteriori, prima dell'approvazione definitiva prevista per la fine dell'anno. Per il comparto giochi, potrebbero arrivare anche ulteriori sorprese. 

La Manovra di Bilancio per il 2020 porterà a un aumento immediato del prelievo sugli apparecchi da intrattenimento. Sia slot che Vlt. I tecnici del Mef hanno considerato una revisione della tassazione sui giochi ad ampio raggio. In particolare, viene incrementato il prelievo erariale unico applicabile agli apparecchi da intrattenimento ed effettuati altri interventi minori nel settore, come si legge anche nel Documento programmatico di bilancio 2020 inviato a Bruxelles.

Secondo le stime la misura porterà un effetto finanziario pari a 0,031 sul Pil nel 2020, per arrivare allo 0,034 nel 2022. 

TASSE ANCHE PER I GIOCATORI - Tra le molte novità sui giochi, stavolta, ce ne sono anche per i giocatori. Sì, perché tra le mosse più significative che riguardano il comparto c'è la nuova impostazione della cosiddetta "tassa sulla fortuna" con l'introduzione di un meccanismo che cambia completamente il sistema per calcolare la quota di vincita che dovrà essere trasferita all’Erario, sottraendola ai giocatori. In particolare, il decreto fiscale collegato alla manovra modifica l’attuale tassa del 12 percento sulle vincite superiori a 500 euro – dal Gratta & Vinci al Superenalotto fino alle Vlt – si trasforma in un prelievo progressivo: chi più vince più paga al fisco italiano. Fino ad arrivare al 25 percento nel caso di vincite superiori ai 10 milioni di euro.

Ma non è tutto. Anzi. Il provvedimento collegato alla legge di Bilancio contiene altre misure per una vera e propria stretta sui giochi, attraverso l'istituzione del registro unico degli operatori del gioco pubblico e il blocco dei pagamenti per i soggetti che operano dall'estero senza concessione, anche attraverso l'istituzione dell'agente sotto copertura. In arrivo anche una lotteria per pagamenti digitali e digital tax e nel decreto legge fiscale in cantiere si parla anche di un premio speciale per incentivare i pagamenti con carta di credito e bancomat, con tanto di estrazioni riservate tanto ai consumatori quanto ai negozianti. Per i premi della nuova lotteria lo stanziamento previsto è di 70 milioni di euro. La bozza del provvedimento prevede anche lo stanziamento di 700 milioni di euro per il Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese e l'introduzione di una digital tax che frutterà 600 milioni di euro su base annua.
 
I CONTENUTI PRINCIPALI - Intanto, il Decreto fiscale approvato nelle prime ore di stamattina (l'iter di conversione in legge parte dalla Camera) contiene le misure più tecniche relative al comparto giochi, già anticipate nei giorni scorsi (come da testo integrale scaricabile da qui). Con il nuovo testo di legge viene disposta quindi la proroga delle gare per le scommesse e il bingo, come il posticipo del termine per la sostituzione degli apparecchi da gioco, che dovranno fare posto alle Awp con controllo da remoto. Ancora, modificato il prelievo sulle vincite e confermato l’obbligo di iscrizione al Registro Unico degli operatori del gioco pubblico per tutti i soggetti che svolgono attività in materia di gioco pubblico.
Viene inoltre introdotto l'agente sotto copertura, che dovrà verificare la regolarità nelle sale, e ci sono disposizioni anche sull'articolo 24 del Dl 98 del 2011 e sull'omesso versamento dell'imposta unica. Si parla inoltre, anche dell'esenzione fiscale dei premi della lotteria degli scontrini ed istituzione di premi speciali per il cashless, oltre che delle sazioni. Disposizione trasversale, e che sicuramente interessa i casinò italiani, è quella contenuta all'articolo 19, che riporta a mille euro, rispetto agli attuali 3mila, la soglia massima per l'utilizzo del denaro contante. Si parte però da 2mila, tanti ne sono previsti nel 2020 e 2021, per poi scendere ulteriormente a 1.000. Nessuna norma invece, su Campione d'Italia.
Share