Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Dl fiscale e gioco, via libera finale della Camera

  • Scritto da Redazione

La Camera ha dato via libera al disegno di legge con disposizioni urgenti in materia fiscale e sul gioco.

Nella giornata di oggi venerdì 6 dicembre, la Camera ha dato via libera al disegno di legge di conversione in legge del decreto-legge 26 ottobre 2019, n. 124, recante disposizioni urgenti in materia fiscale e per esigenze indifferibili (C. 2220-A). I voti favorevoli sono stati 248, quelli contrari 87.

Il provvedimento dovrà passare all’esame del Senato in seconda lettura.
 
Ieri giovedì 5 dicembre, con 310 voti a favore e 199 contrari, la Camera ha votato la fiducia posta dal Governo sull'approvazione, senza emendamenti ed articoli aggiuntivi, dell'articolo unico del provvedimento, nel testo predisposto dalla Commissione a seguito del rinvio deliberato dall'assemblea.
 
Il testo del decreto Fiscale contiene l'aumento del Preu dal 10 febbraio 2020 su slot (al 23 percento) e su Vlt (al 9 percento), la proroga delle gare per le concessioni scommesse e bingo, il rinvio della partenza delle slot da remoto, l'istituzione del Registro unico degli operatori del gioco (a cui dovranno iscriversi anche i titolari dei punti di ricarica dei conti di gioco a distanza ma non quelli che offrono giochi senza vincita in denaro) e dell'agente "sotto copertura", il blocco dei pagamenti a soggetti senza concessione e il contrasto all'evasione nel settore scommesse. La lotteria degli scontrini debutterà a luglio 2020, non più a gennaio del prossimo anno.
 

Nell'ambito dell'esame dell'Aula, il Governo ha espresso parere favorevole sull'ordine del giorno di Fratelli d'Italia sulla destinazione di parte del Preu a favore di interventi per prevenire il Gap.  Stessa sorte per l'Odg del Movimento 5 Stelle sul riordino dell'offerta del gioco e per, quello, riformulato, del Pd, sul registro unico degli operatori. Accolto anche l'ordine del giorno del forzista D'Attis sui controlli, sul quale inizialmente il Governo aveva espresso parere contrario.

IL DIBATTITO IN AULA - Nel dibattito che ha preceduto il voto finale, uno dei relatori, Gian Mario Fragomeli (Pd), si è soffermato sulla lotteria degli scontrini: "Essa può essere un’opportunità non solo di vincita per gli utenti, ma è una possibilità di ammodernamento anche per gli esercenti. Il decreto Fiscale porta innovazione e la lotteria ne è un semplice esempio". 

Anche Luca Pastorino, di Leu, vi ha fatto cenno: "L'introduzione della stessa lotteria degli scontrini, a partire da luglio dell'anno prossimo, secondo me, secondo noi avrà un effetto molto favorevole all'interno della nostra società e per i nostri cittadini".

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.