Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Lavoratori Adm e Ade a Mef: 'Controllo del gioco illegale a rischio'

  • Scritto da Redazione

I lavoratori di Monopoli e Agenzia delle entrate protestano per la carenza di personale che non consente di svolgere tutte le funzioni, comprese la lotta all'evasione e al gioco illegale.

Settimane in fermento quelle appena trascorse e quelle che arriveranno per i lavoratori delle Agenzie fiscali.

Dopo lo sciopero di due ore indetto nella giornata di ieri giovedì 23 gennaio, da parte dei lavoratori dell’Agenzia delle Entrate e dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli contro la carenza di personale che non permette ormai nemmeno più di coprire i servizi essenziali come la lotta all'evasione fiscale, è tutto pronto per il prossimo 6 febbraio, quando sarà in programma una manifestazione nazionale a Roma.
 
La protesta messa in campo da Fp Cgil, Cisl Fp, Uilpa, Confsal Unsa e Flp è a favore dei lavoratori che non percepiscono da oltre due anni "il salario di produttività - come è stato detto dai sindacati - nonostante tutti gli obiettivi fissati con il Mef siano stati raggiunti. A tutto questo si aggiunge il taglio dei fondi per i lavoratori, un'organizzazione obsoleta e la paralisi dovuta all'assenza di un interlocutore, in quanto la politica non è stata capace di nominare né i direttori dell'Agenzia, né i comitati di gestione".
 
In questi giorni c'è stata una massiccia e sentita partecipazione dei colleghi delle Agenzie fiscali alle assemblee unitarie indette oggi sui posti di lavoro in tutta la penisola.
 
"I lavoratori dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli garantiscono - come si legge in una nota dei sindacati - l’applicazione della normativa tributaria ed extratributaria connessa al traffico internazionale delle merci, persone e veicoli (contrasto al contrabbando e alle frodi Iva intracomunitaria, riciclaggio, lotta al traffico di stupefacenti, contraffazione, materiali strategici, salute pubblica, tutela patrimonio artistico ecc..) e di tutte le misure, incluse quelle riguardanti la politica agricola e la politica commerciale dell’Unione Europea, oltre che la fase autorizzativa, di riscossione e di controllo sul territorio nazionale nel settore delle Accise (Tabacchi, prodotti energetici, alcolici, ecc.) e nel settore dei giochi con particolare riferimento al fenomeno del gioco illegale".
 
Nella serata di ieri, 23 gennaio, c'era grande attesa per la nomina, da parte del Consiglio dei ministri, dei nuovi vertici dell'Agenzia delle dogane e dei monopoli ma, ancora una volta, la seduta si è conclusa con un nulla di fatto.
 
Il mandato del direttore dell'Adm Benedetto Mineo è scaduto lo scorso 9 dicembre.

 

 

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.