Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Cura Italia, Castelli (Mef): 'Sale gioco e scommesse, versamenti sospesi'

  • Scritto da Francesca Mancosu

Il vice ministro dell'Economia Laura Castelli ribadisce le misure del decreto Cura Italia sui versamenti di contributi e ritenute di marzo ed aprile per dipendenti di sale gioco e scommesse.


"Abbiamo previsto le seguenti misure: per gli operatori dei settori più colpiti dalla crisi, senza limiti di fatturato, vengono sospesi i versamenti di contributi e ritenute per lavoratori dipendenti di marzo ed aprile. I settori interessati sono: turistico-alberghiero, termale, trasporti passeggeri, ristorazione e bar, cultura (cinema, teatri), sport, istruzione, parchi divertimento, eventi (fiere/convegni), sale giochi e centri scommesse".

A chiarirlo è il vice ministro dell'Economia Laura Castelli nel rispondere alle domande dei lettori del Messaggero sul decreto Cura Italia in merito ai provvedimenti presi dal Governo per sostenere economicamente le famiglie e le imprese - comprese quelle del gioco - colpite dalle restrizioni ad alcune attività per il contenimento del Coronavirus.


"Per i contribuenti con fatturato fino a 2 milioni di euro vengono sospesi i versamenti Iva, ritenute e contributi di marzo", prosegue Castelli. In aggiunta, "per i contribuenti delle 4 province più colpite (Piacenza, Lodi, Cremona, Bergamo) sospensione dell’Iva a prescindere dal fatturato; disapplicazione della ritenuta d’acconto per professionisti senza dipendenti sulle fatture di marzo ed aprile; sospensione dei termini per la riscossione di cartelle esattoriali, per saldo e stralcio e per rottamazione-ter, sospensione dell’invio nuove cartelle e sospensione degli atti esecutivi; slitta dal 7 al 31 marzo il termine entro il quale i sostituti di imposta devono trasmettere la certificazione unica; si sposta dal 28 al 31 marzo 2020 la scadenza entro cui gli enti terzi (fra cui banche, assicurazioni, enti previdenziali e amministratori di condominio) devono inviare i dati utili per la dichiarazione dei redditi precompilata; viene prorogato al 5 maggio 2020 il giorno in cui la dichiarazione precompilata sarà disponibile per i contribuenti sul portale dell’Agenzia delle entrate; si sposta dal 23 luglio al 30 settembre 2020 la scadenza per l’invio del 730 precompilato”.
 
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.