Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Fase 3: Regione Veneto estende contributi a imprese, ma non al gioco

  • Scritto da Redazione

Come già fatto da altre regioni, anche il Veneto esclude le attività di gioco dalla lista dei beneficiari di contributi per la Fase 3 post Covid-19.

La Regione del Veneto ha ampliato l’elenco dei codici Ateco delle attività economiche ammesse ai contributi previsti in caso di reintegro dei lavoratori sospesi a causa dell’emergenza Covid-19.

Scorrendo la lista, però, non risulta nulla del codice 92, quello relativo alle “attività riguardanti le lotterie, le scommesse, le case da gioco”.

La scelta della Regione Veneto ricalca quelle già fatte, ad esempio, dalla Lombardia o dalla Puglia senza dimenticare il Lazio e il Molise.

Fra i possibili beneficiari invece ci sono i bar e le “altre attività ricreative e di divertimento”.

COME FARE RICHIESTA - I datori di lavoro del Veneto che reintegrano dipendenti sospesi a causa dell’emergenza Covid-19 a partire dal 30 luglio scorso possono presentare richiesta di contributo per la riduzione dei costi salariali e il mantenimento al lavoro dei propri dipendenti.
Condizione indispensabile per poter accedere al contributo è che i lavoratori reintegrati siano stati assunti prima del 23 febbraio 2020 con contratto a tempo indeterminato o di apprendistato professionalizzante, abbiano beneficiato di ammortizzatori sociali con causale Covid-19 e, successivamente al reintegro, continuino a svolgere l’attività lavorativa durante tutto il periodo di validità del sostegno economico.
Il valore del contributo varia tra il 50 e l’80 percento della retribuzione mensile lorda del lavoratore dipendente e può essere riconosciuto per un periodo compreso tra i 3 e i 6 mesi, non oltre il 31 dicembre 2020. Il valore massimo concedibile per ogni impresa varia dai 15.000 euro ai 50.000 euro sulla base della classe dimensionale aziendale.
Le risorse ancora disponibili ammontano a oltre 30 milioni di euro. Le domande devono essere presentate entro il 2 ottobre 2020 tramite il portale ClicLavoro Veneto.
Tutte le informazioni su caratteristiche del contributo, requisiti e modalità di presentazione delle domande sono disponibili all’indirizzo www.cliclavoroveneto.it/contributi-imprese.
 
LE CATEGORIE INCLUSE - I dati più recenti dell’Osservatorio di Veneto Lavoro confermano gli effetti negativi che la pandemia ha generato sul mercato del lavoro regionale, in particolare nei settori del turismo e della cultura. Per favorire il più ampio accesso ai contributi, con Dgr n. 1259/2020 la Regione del Veneto ha ampliato l’elenco delle attività economiche che possono farne richiesta.
Alle 36 categorie economiche individuate inizialmente si aggiungono ora quelle riferite ai seguenti codici Ateco Istat 2007:
49.32.10 Trasporto con taxi
49.32.20 Trasporto mediante noleggio di autovetture da rimessa con conducente
56.29.10 Mense
56.29.20 Catering continuativo su base contrattuale
56.10 Ristoranti e attività di ristorazione mobile
56.30 Bar e altri esercizi simili senza cucina
90.03 Creazioni artistiche e letterarie
90.04 Gestione di strutture artistiche
93.29 Altre attività ricreative e di divertimento
 
Share