Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Legge sul gioco, l'Ars Sicilia dice sì all'unanimità

  • Scritto da Redazione

Nella seduta di oggi, 7 ottobre, l'Assemblea regionale siciliana approva la sua legge sul gioco dopo un acceso confronto su emendamenti e subemendamenti.

Dopo tre anni di attesa anche la Sicilia, ultima regione d'Italia a farlo, si dota di una propria legge sul gioco.

La nuova normativa è stata infatti approvata con 38 voti favorevoli e zero contrari dall'Assemblea regionale siciliana nella seduta di oggi, 7 ottobre, dopo un confronto in Aula su diversi emendamenti proposti dai deputati.

Il testo, intitolato “Norme per la prevenzione e il trattamento del disturbo da gioco d’azzardo”, è il risultato dall'accorpamento di tre proposte - “Norme per la prevenzione e il trattamento del gioco d'azzardo patologico” a firma di Giancarlo Cancelleri (MS5), “Disposizioni di legge contro il gioco d'azzardo per la protezione dei minori e le dipendenze patologiche” di Margherita La Rocca Ruvolo (Udc) e "Norme per la prevenzione e il contrasto delle dipendenze patologiche da gioco d'azzardo, abuso di alcol e droghe" di Antonio Catalfamo (FdI) - tutte risalenti al 2019.


Nella versione andata in Aula oggi il Ddl prevedeva il divieto d’apertura di centri di scommesse e spazi per il gioco con vincita in denaro, nonché la nuova installazione di apparecchi, ad una distanza minima dai “luoghi sensibili” - come scuole, parrocchie, caserme, strutture sanitarie, centri di aggregazione per giovani e anziani - fissata in 300 metri per i comuni con meno di 50mila abitanti, 500 metri per i comuni con più di 50mila abitanti. 
 
Prevista anche l’istituzione dell’Osservatorio regionale sul Disturbo da gioco d’azzardo al fine di conoscere e monitorare il fenomeno e di valutare l’efficacia delle politiche messe in atto per contrastarlo. L’Osservatorio collaborerà con i competenti organi dello Stato e con le forze di polizia nella lotta al gioco illegale.
La Regione rilascerà, a cura dei Comuni, agli esercenti di pubblici esercizi, ai gestori di circoli privati e di altri luoghi deputati all’intrattenimento che sceglieranno di non installare apparecchiature per il gioco d’azzardo lecito il marchio regionale “Slot? No grazie!”; i Comuni possono prevedere forme premianti per chi aderisce al progetto.

Spetterà ai Comuni la competenza dei controlli, tramite la Polizia locale sui locali, al fine di evitare la diffusione del fenomeno del disturbo da gioco d’azzardo e di garantire il monitoraggio.
 
Per conoscere il testo definitivo della legge si attende la pubblicazione della versione approvata oggi, completa degli emendamenti e dei subemendamenti.
 
Share