Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Il Governo studia nuove restrizioni, gioco a rischio

  • Scritto da Anna Maria Rengo

Il premier Giuseppe Conte sta valutando un nuovo e più restrittivo Dpcm, possibili conseguenze sul settore del gioco.

Il ministro ai Beni culturali, nonchè capo delegazione Pd al Governo, Dario Franceschini preme per nuove e immediate misure e chiede un incontro urgente al premier. Il Comitato tecnico scientifico suggerisce il coprifuoco per tutti alle ore 22 e la chiusura di palestre, centri estetici, parrucchieri, cinema e teatri. Il ministro della Salute Roberto Speranza che rassicura sul fatto che saranno prese "decisioni ponderate" e sul continuo confronto con le Regioni. Dall'altro lato, l'opposizione, come il leader della Lega Matteo Salvini, lancia l'altolà ammonendo che "chiudere tutto sarebbe un disastro".

La seconda ondata di Covid ha ormai investito pienamente l'Italia e, a pochi giorni del nuovo Dpcm che contiene disposizioni valide fino al 13 novembre, il premier Giuseppe Conte e il suo Governo studiano nuove e più stringenti misure a livello nazionale, che potrebbero riguardare anche il settore del gioco, in quanto rientrante tra le "attività non indispensabili". Secondo alcuni, le nuove misure potrebbero essere annunciate al più presto, così da entrare in vigore nel fine settimana.

E, se passasse la linea più rigida, le location di gioco potrebbero rientrare tra quelle di cui verrà disposta la chiusura (come appunto cinema o palestre), allo scopo di prevenire la chiusura delle scuole e un lockdown, ora o nel periodo natalizio. Scenario leggermente pià positivo, quello relativo al coprifuoco: le sale gioco, bingo e scommesse potrebbero dover chiudere alle 22, questa l'ora ipotizzata per il "tutti a casa", anche se non si esclude che la stessa possa essere anticipata alle ore 21.

Sullo sfondo, come previsto e come già fatto dal governatore della Campania Vincenzo De Luca, la possibilità che le Regioni e i Comuni emettano provvedimenti più restrittivi, una possibilità la cui attuazione è fortemente legata all'andamento della pandemia sul singolo territorio di riferimento.

Share