Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Cdm approva decreto Ristori: 'Contributi del 200% per le sale gioco'

  • Scritto da Redazione

ll Consiglio dei ministri approva decreto per gli interventi di sostegno alle attività chiuse per contenere la pandemia, nell'ultima bozza ristori del 200 percento alle sale gioco.

Ristori del 400 percento per discoteche, sale da ballo e night club; del 200 percento per stadi, cinema, piscine, parchi divertimenti, sale giochi, palestre e sale bingo; del 150 percento per ristoranti, alberghi, affittacamere per brevi soggiorni, case ed appartamenti per vacanze, villaggi turistici, ostelli della gioventù, rifugi di montagna; ristoro del 100 percento per gelaterie e bar (senza cucina). La percentuale del 200 percento è prevista per le categorie più danneggiate dal Dpcm, ossia quelle costrette a chiudere a causa di esso. La percentuale, inoltre, si riferisce alle somme già incassate grazie al Dl Rilancio.

Li prevede l'ultima bozza disponibile del cosiddetto “decreto Ristori”, approvato dal Consiglio dei ministri di oggi, 27 ottobre, per compensare le perdite economiche misure restrittive contenute nell’ultimo Dpcm in materia di contrasto al Covid-19 in vigore fino al 24 novembre, che, come noto, ha chiuso totalmente le sale gioco, scommesse, i bingo e i casinò.

Al fondo perduto per le attività colpite dal Dpcm del 24 ottobre verranno destinati circa 2 miliardi dei 6,8 complessivi previsti dal decreto. Per la cassa integrazione riservata ai dipendenti e lavoratori di queste stesse attività sono previsti 2,6 miliardi.

 

COME FUNZIONA IL RISTORO - Chi aveva già presentato domanda di accesso ai contributi a fondo perduto entro agosto riceverà l’accredito del ristoro con bonifico dell'Agenzia delle Entrate direttamente sul conto corrente entro il 15 novembre, chi invece non aveva fatto richiesta di accesso al fondo perduto o rispettava i requisiti previsti (come nel caso delle aziende con un volume di affari superiore a 5 milioni), dovrà presentare domanda all’Agenzia e attendere qualche settimana in più.

 

Per conoscere il testo definitivo del decreto bisognerà attendere la pubblicazione in Gazzetta ufficiale.

Intanto, il premier Giuseppe Conte spiega in conferenza stampa: " I ristori a fondo perduto arriveranno sul conto con bonfico dell'agenzia delle entrate, è il modo più efficace, confidiamo che a metà novembre chi ha aderito alla prima edizione potrà riceverlo, subito dopo anche gli altri".

Share