Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Bozza Dpcm: Governo 'Limiti alle attività fino a gennaio', le richieste di Anci e Regioni

  • Scritto da Fm

Atteso a breve il nuovo Dpcm con le norme valide fino a gennaio, ecco le richieste di Anci e Regioni in attesa dell'ordinanza del ministro Speranza sulle nuove 'zone'.


I "nodi" dovrebbero sciolti entro le prossime 24-48 ore, ma cominciano già a trapelare le prime indiscrezioni sul nuovo Dpcm che dovrebbe definire "come" sarà la quotidianità degli italiani nel prossimo mese, e forse fino al 15 gennaio 2021.

Questo è quanto emerge dalle ultime dichiarazioni del ministro della Salute, Roberto Speranza, che nel corso del confronto Governo-Regioni-Enti locali sul prossimo provvedimento governativo per il contenimento del Covid avrebbe opposto il suo "niet" a ogni ipotesi di attenuazione delle limitazioni imposte a negozi e attività commerciali, giochi compresi, ancora per 40 giorni.

"Allentamenti delle misure potranno essere decisi a partire dal 15 gennaio. Ma solo sulla capacità di tenuta durante le vacanza di Natale", ha rimarcato.

L'Esecutivo quindi sarebbe intenzionato a mantenere i bar e ristoranti chiusi alle 18, così come le palestre e le piscine, e a non cedere alle pressioni delle regioni montane per l'apertura degli impianti da sci almeno durante le festività natalizie. Introducendo il divieto di spostamento fra regioni, anche se gialle.

Intanto, per venerdì 4 dicembre è attesa la pubblicazione del nuovo report dell'Istituto Superiore di Sanità sulla diffusione del Covid sul territorio nazionale, propedeutico all'ordinanza del ministero della Salute che dovrebbe veder "cambiare colore", e quindi status, a diverse regioni.
Secondo gli ultimi dati disponibili, la Campania, la provincia autonoma di Bolzano, la Toscana e la Valle d'Aosta dovrebbero uscire dalla zona rossa ed entrare in quella arancione - dove troveranno Basilicata, Calabria, Lombardia e Piemonte. Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Marche, Puglia e Umbria invece dovrebbero passare alla zona gialla.

TOTI (CONFERENZA STATO-REGIONI): 'CONFRONTO PROFICUO CON IL GOVERNO" - “Oggi abbiamo avuto un confronto proficuo con il Governo, partendo anche dalle prime considerazioni che abbiamo inviato ieri sera. Ora attendiamo di valutare nel dettaglio le norme del prossimo Dpcm”, lo ha dichiarato il vice presidente della Conferenza delle Regioni, Giovanni Toti, al termine del confronto odierno con i ministri Boccia, Speranza, il commissario Arcuri e il capo della Protezione civile, Borrelli.
“Il ministro Boccia e il ministro Speranza – ha aggiunto Toti - ci hanno preannunciato l’invio di un testo nelle prossime ore, dopo il necessario passaggio in Parlamento.
C’è la consapevolezza comune in un’ottica di leale collaborazione istituzionale – ha proseguito il vice presidente della Conferenza delle Regioni - della necessità della massima condivisione delle regole che dovranno essere stabilite e che riguarderanno un periodo dell’anno come quello delle imminenti festività, particolarmente delicato e strategico sul piano socio-economico. Così come c’è un’assoluta percezione dell’esigenza di non abbassare la guardia in termini di prevenzione e sicurezza.
Abbiamo sottoposto al Governo diverse questioni e fra queste - ha concluso Toti - sottolineo il superamento dei termini per il passaggio tra le diverse fasce, un’azione strategica condivisa per contrastare di ogni forma di assembramento, anche per determinare misure eque, l’esigenza di una forte compagna di comunicazione che aumenti il grado di consapevolezza dei cittadini, e il tema degli automatismi dei ristori”.
 
FONTANA (LOMBARDIA): "DPCM SIA MIRATO A CONTENERE E NON A INSEGUIRE IL VIRUS" - "Oggi abbiamo avuto, come Regioni, un incontro con il Governo, durante il quale l'Esecutivo ha dichiarato la volontà, nel prossimo Dpcm, di mantenere, per il prossimo mese, una serie di misure abbastanza rigorose. Come, ad esempio, il divieto di trasferimento tra le Regioni, particolari attenzioni per le feste a Natale e Capodanno, e limitazioni, o addirittura divieti, riguardanti gli impianti sciistici. Quest'ultimo è un tema da considerare nell'ambito di un'intesa di carattere europeo". Così il presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana, dopo il confronto tra Regioni e Governo sul prossimo Dpcm per contenere la diffusione del Covid-19.
"Da parte mia - ha spiegato il presidente - ho avanzato la proposta di svolgere una serie di interventi di più ampio respiro. Ovvero, non essere noi a inseguire il virus, ma fare in modo che la nostra programmazione preceda lo sviluppo del virus stesso". "Una serie di interventi, cioè, che consentano - ha concluso il governatore Fontana - di mantenere in vita le attività economiche e che garantiscano la sanità pubblica".
 

DECARO (ANCI): "CONTROLLI SIANO COORDINATI E ATTENZIONE ALLE VIGILIE" - “I dati ci dicono che il Paese potrebbe diventare a breve un’unica zona gialla. È una buona notizia, perché dimostra che la strategia di contenimento del contagio sta lentamente funzionando, e significherà meno restrizioni per quei territori che erano classificati come arancioni o rossi. Ora è fondamentale accompagnare la riduzione delle restrizioni con l’atteggiamento responsabile che abbiamo avuto fin qui”. È quanto afferma Antonio Decaro, presidente dell'Anci e sindaco di Bari al termine della riunione odierna con il Governo sul nuovo Dpcm che dovrà essere varato a giorni.
“Nei giorni che precedono il Natale, è naturale una maggiore propensione a stare insieme e a socializzare. Dovremo governarla per non esporci a rischi. Ho chiesto al Governo di non lasciare soli i sindaci per i necessari controlli perché le restrizioni che saranno disposte per questo periodo devono poter essere applicate.
Servirà la collaborazione di tutte le forze dell'ordine coordinate dai prefetti, nell'ambito del comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica, per tenere sotto controllo i flussi di persone evitando assembramenti nei giorni particolarissimi come le vigilie di Natale e Capodanno. Saranno giornate di festa, ma in condizioni diverse dal solito. E sarà fondamentale tenere massimo il livello di attenzione in quei giorni”.
 
Share