Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Sardegna in 'zona bianca', il gioco resta ancora chiuso

  • Scritto da Fm

Svaniscono le speranze degli operatori di gioco della Sardegna, entrata in 'zona bianca': potranno riaprire ristoranti, palestre e musei, ma non le sale. Attesa per nuovo Dpcm e Dl Sostegni.

Una doccia fredda, anzi, gelata. È quella appena ricevuta dagli operatori di gioco della Sardegna, che da oggi entra ufficialmente in "zona bianca", con l'allentamento delle misure restrittive per il contenimento del Covid in tutto il territorio regionale per quasi tutte le attività economiche e commerciali.
Bar, ristoranti, palestre, scuole di danza (senza contatto), centri commerciali nei weekend, musei e luoghi della cultura, come anticipato due giorni fa.
Ma non - almeno per il momento -  i locali con offerta di gioco con vincita in denaro, restato fuori dall'elenco di quelli oggetto di via libera, pur se nell'ovvio rispetto delle "necessarie prescrizioni".

Un colpo forse inaspettato dai più, che vedevano nella "zona bianca" - al momento valevole dal 1° al 15 marzo "salvo proroga esplicita e salvo ulteriori diverse prescrizioni, anche di segno contrario, che dovessero rendersi necessarie in dipendenza dell’andamento della curva di diffusione del virus" - quasi una certezza per vedere finalmente la riapertura delle proprie attività, dopo quasi 240 giorni di chiusura su 365.
A questo punto, bisognerà vedere se le prossime, auspicabili, ordinanze regionali o provinciali che potrebbero sancire la zona bianca anche in altri territori si allineeranno alle decisioni della Sardegna oppure no.

ATTESA PER NUOVO DPCM, DL 'SOSTEGNI' E DELEGA AL GIOCO - Intanto, sul fronte nazionale questa settimana dovrebbe arrivare la pubblicazione del nuovo Dpcm sulle restrizioni in vigore dal 6 marzo al 6 aprile - e il gioco, come noto, resterà ancora in lockdown - e il varo del primo decreto Sostegni, il "sostituto" del decreto Ristori, si spera con lo stanziamento di nuovi fondi per il settore.  Con la probabile sostituzione del meccanismo basato sui codici Ateco e la decisione di guardare alle "perdite reali" delle aziende, l'ulteriore estensione della cassa integrazione Covid - con 8 settimane di Cig e 26 settimane di Cig in deroga e assegno ordinario da utilizzare entro il 31 dicembre 2021 - e lo stanziamento di fondi per le categorie più colpite dalle chiusure. Nel corso della settimana appena iniziata poi potrebbe essere attribuita la delega al gioco, determinante per stabilire il "nuovo corso" del comparto almeno fino alla fine della legislatura attuale. In lizza i sottosegretari del ministero dell'Economia  e delle finanze Maria Cecilia Guerra, Alessandra Sartore e Claudio Durigon, Laura Castelli (che ricopre la carica di vice ministro).
 

COSA PREVEDE L'ORDINANZA SARDA - L’ingresso nella "zona bianca" è arrivato dopo che per 21 giorni di seguito si son registrati meno di 50 casi per 100mila abitanti (in quella appena conclusa l'indice è 49,7). Tutti gli altri 21 indicatori sono positivi: i ricoveri sono in calo, soprattutto quelli in terapia intensiva con una percentuale tra il 10 e il 12 percento.
Ecco quanto si legge nell'ordinanza firmata dal governatore della Sardegna, Christian Solinas. "Fermo restando il divieto di assembramento, nonché il rispetto del distanziamento personale e del contingentamento, in conformità alle linee guida per la riapertura delle attività economiche e produttive attualmente in vigore, con possibilità di modularne l'esercizio in aumento ovvero in diminuzione, secondo l’andamento epidemiologico della pandemia, a decorrere dal 1° marzo 2021 è consentita sull’intero territorio regionale – fatta eccezione per le zone puntualmente interdette con ordinanze sindacali, a seguito della dichiarazione di rischio di diffusione virale – la riapertura delle seguenti attività: a) Ristorazione, con apertura degli esercizi fino alle ore 23; b) Bar, pub, caffetterie ed assimilabili, con apertura degli esercizi fino alle ore 21.
In relazione all’andamento degli indicatori epidemiologici valutati a seguito di tali riaperture, con successive specifiche ordinanze – d’intesa con il tavolo tecnico
 istituzionale composto dai rappresentanti del ministero della Salute, dell’Istituto
superiore della sanità e della Regione Sardegna – potranno essere riaperte, con le necessarie prescrizioni, le seguenti attività: palestre, scuole di danza (senza contatto); centri commerciali nelle giornate di sabato e domenica; musei e luoghi della cultura", ma, come chiarito dagli articoli 4 e 5 del provvedimento, "continuano ad applicarsi le misure restrittive determinate ai sensi dell'articolo 1, comma 2, del decreto-legge 25 marzo 2020, n.19, convertito, con modificazioni nella legge 22 maggio 2020, n.35, con riferimento alle altre attività
ivi indicate, fatta eccezione per la disciplina specifica disposta dalla presente ordinanza. Per tutto quanto non espressamente disciplinato dalla presente ordinanza, si fa espresso rinvio al Dpcm 14 gennaio 2021", che ha tra l'altro sancito la prosecuzione dell'obbligo di chiusura per le attività di gioco terrestre.
Tornando ai contenuti generali dell'ordinanza, nel testo si legge: "Salvo provvedimenti maggiormente restrittivi adottati dalle Autorità sanitarie locali sul territorio di competenza, è fatto divieto di circolare e/o sostare al di fuori della propria residenza e/o domicilio dalle ore 23.30 di ciascun giorno fino alle ore 5 del successivo (coprifuoco). Restano ferme le cause esimenti già previste dalla vigente normativa nazionale per le zone cosiddette 'gialle'.
È fatto obbligo di usare, sull’intero territorio regionale e per l’intera giornata (H24), protezioni delle vie respiratorie anche all’aperto, negli spazi di pertinenza dei luoghi e locali aperti al pubblico, nonché negli spazi pubblici ove, per le caratteristiche fisiche, sia più agevole il formarsi di assembramenti anche di natura spontanea e/o occasionale. Non sono soggetti all’obbligo i bambini al di sotto dei 6 anni, nonché i soggetti con forme di disabilità.
È fatto divieto di qualsiasi forma di assembramento, con speciale riferimento allo stazionamento presso gli spazi antistanti gli istituti scolastici di ogni ordine e grado, le piazze, le pubbliche vie, i lungomare e i belvedere, nei quali deve comunque mantenersi un distanziamento interpersonale di almeno un metro".
 

IL COMMENTO DEL GOVERNATORE SOLINAS - "Un grande risultato ottenuto grazie all'impegno di tutti i cittadini sardi, ma un punto di partenza piuttosto che di arrivo". Così il presidente della Regione Sardegna, Christian Solinas, commenta la classificazione della regione come area bianca stabilita dal Governo, ribadendo di voler "proteggere la Sardegna con tutti gli strumenti che possano garantire severi controlli sanitari per coloro che entreranno nel nostro territorio".
"È il risultato dei tanti sacrifici fatti in questi mesi dai sardi, delle loro attenzioni e dello scrupolo posto nell'osservanza delle regole di sicurezza, della loro partecipazione allo screening di massa che sta entrando nella sua fase numericamente più rilevante.
Per questo, dobbiamo considerare questo riconoscimento come un motivo in più per mantenere alta la guardia contro il virus, affinché lo sforzo non sia vanificato da atteggiamenti imprudenti".
Per poi concludere: "La zona bianca non rappresenta certamente un invito al 'liberi tutti', alla mitigazione delle precauzioni e delle norme di sicurezza; deve essere anzi interpretata da tutti noi come una sprone alla massima responsabilità.
Da questo risultato può scaturire una ripresa graduale di attività produttive che in questi mesi hanno sofferto danni gravissimi, fiaccando la nostra economia.
Ma tutto deve essere fatto con prudenza e attenzione. Confermo il mio fermo intendimento di proteggere la Sardegna con tutti gli strumenti che possano garantire severi controlli sanitari per coloro che entreranno nel nostro territorio regionale, a tutela della salute, che non impedirà ma anzi faciliterà la libera circolazione delle persone. Ho già avuto interlocuzioni con il Governo e con il ministro Speranza al quale ho chiesto l'intesa. Confidiamo che con il nuovo Governo Draghi possa concretizzarsi una piena condivisione nei confronti di un sistema che sarà garanzia per i sardi e per i turisti, e che farà della Sardegna - conclude Solinas - una terra sicura e sempre più ospitale".

 

 

Share