Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Bilancio Emilia Romagna: gioco, no ad emendamento Facci

  • Scritto da Fm

L'assemblea regionale dell'Emilia Romagna boccia l'emendamento al Collegato di bilancio di Facci (Lega) per la modifica della legge vigente sul gioco.

Niente da fare per l'emendamento al Collegato di bilancio dell'Emilia Romagna presentato dal consigliere regionale leghista Michele Facci per la modifica della legge vigente sul gioco, discusso dall'Assemblea nella seduta di oggi, 21 luglio, e bocciato dalla maggioranza.

Nel corso del dibattito ci sono stati alcuni interventi in supporto della proposta di Facci - finalizzata a spingere la Giunta a riaprire un dialogo con i lavoratori del gioco legale e a "riconsiderare l’entrata in vigore degli atti esecutivi di quella norma regionale, magari valutando la possibilità di una deroga (o proroga) sulla applicazione dei criteri, anche quelli della distanza tra sale gioco e siti sensibili, così come in attesa di una legge quadro del settore" - come quello del consigliere di Fratelli d’Italia Marco Lisei. "Il distanziometro applicato con valore retroattivo non ha alcun senso. Bene mantenere la normativa, ma è sbagliata per gli effetti che produce: colpisce solo, in modo indiscriminato, i punti della rete fisica, mettendo in crisi un settore che è fatto anche di posti di lavoro".

 

Fra gli assolutamente contrari ad ogni tipo di modifica la consigliera del Partito democratico Manuela Rontini, che "apre" sui ristori alle imprese del gioco che "in quanto attività legali e come le altre, non dovremmo subire alcun atteggiamento discriminatorio".
 
Share