Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Consiglio Veneto, Giunta: 'Legge gioco, relazione entro settembre'

  • Scritto da Redazione

L'assessore veneto Bottacin assicura che la relazione sull'attuazione della legge sul gioco del 2019 chiesta da Guarda (Europa verde) arriverà entro settembre.

“L’invio della prima relazione in materia è prevista per fine settembre 2021”.

Lo assicura l'assessore all'Ambiente del Veneto, Gianpaolo Bottacin, nella risposta – al posto della collega con delega alla Sanità, Manuela Lanzarin – data all'interrogazione presentata dalla consigliera Cristina Guarda (Europa verde)  in merito alla “Valutazione della legge regionale n° 38 del 2019 'Norme sulla prevenzione e cura del disturbo da gioco d'azzardo patologico'”.

 

“La legge regionale 10 settembre 2019 n. 38 prevede, all’articolo 15, la predisposizione di una relazione annuale da approvare nella competente Commissione consiliare contenente il monitoraggio e la valutazione sugli effetti applicativi della legge stessa”, ricorda l'assessore.

“In particolare, la relazione dovrebbe rendicontare il grado di raggiungimento degli obiettivi prefissati nel Piano operativo regionale sul gioco d’azzardo patologico, realizzata dalle aziende Ulss del Veneto e dall’Azienda ospedaliera universitaria integrata di Verona.
Il Piano operativo regionale sul gioco d’azzardo patologico ha avuto un iter particolarmente sofferto, sia per l’approvazione che per i relativi finanziamenti. Solo con la Dgr n. 913 del 9 luglio 2020 è stato possibile prendere atto dell’approvazione, da parte del ministero della Salute, del Piano operativo regionale per il contrasto al gioco d’azzardo patologico (programmazione biennio 2018-2019).
Al momento attuale si stanno utilizzando i fondi relativi all’annualità 2018. In esecuzione della medesima deliberazione, Il Direttore della Direzione dei Servizi Sociali, con decreto n. 163 del 21 dicembre 2020, ha provveduto al riparto, all’assegnazione e alla liquidazione, per il tramite di Azienda Zero, delle risorse pari ad euro 4.550.702,69 alle aziende Ulss del Veneto e all’Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona. Quindi, la raccolta delle informazioni necessarie per la redazione della relazione prevista dalla legge regionale 10 settembre 2019 n. 38, prende avvio dal momento successivo al riparto e dall’implementazione dei piani operativi aziendali.
Non va inoltre dimenticato che, com’è noto, l’emergenza sanitaria dovuta al diffondersi del Coronavirus Covid-19 ha indotto tutti i sistemi sanitari a concentrarsi sul fronte della pandemia.
Inoltre, le limitazioni di movimento e la chiusura di molte attività economiche hanno ridotto la significatività dei dati raccolti nell’ambito del disturbo da gioco d’azzardo.
Per tutte le ragioni enunciate, e secondo gli indirizzi nazionali in materia, l’invio della prima relazione in materia è prevista per fine settembre 2021”, conclude Bottacin.
 
Nella replica, la consigliera Guarda sottolinea: “Aspetterò e aspetteremo, penso, con grande interesse la relazione che ci è stata preannunciata essere, insomma, in corso di consegna proprio di qui a breve e, quindi, da questo punto di vista mi reputo soddisfatta. Ci sarà da aprire, sicuramente, date anche le posizioni, cioè dati, appunto, anche gli effetti di questi anni che dal Piemonte ci arrivano dell’applicazione della loro legge, sicuramente molto più innovativa e coraggiosa di quanto sia quella approvata in questo consiglio regionale. Ecco, ci sarà sicuramente molto da riflettere su questo aspetto, per cui preannuncio un’attenzione particolare a questo tema, dato che l’innovazione deve essere portata non soltanto nella presa in carico delle persone che cadono nel circolo vizioso dannosissimo e gravissimo e violentissimo anche per le famiglie della dipendenza all’azzardo ma allo stesso tempo, insomma, bisogna attivarsi per prevenire questo gravissimo rischio e dato che il Veneto risulta essere una delle regioni con maggiore esposizione dei propri cittadini a questo rischio con un quantitativo in termini di denaro di giocate sicuramente molto alto e non trascurabile ritengo che questo aspetto non debba essere ulteriormente sottovalutato.
Alla luce di questo, ringrazio per la risposta. Vedremo a fine settembre come andrà. Grazie”.
 
Share