Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Chiacchio (Agsi) sul gioco: 'Riduzione Preu e concessioni allargate per il rilancio'

  • Scritto da Daniele Duso

La riduzione del Prelievo erariale unico e dell'Imposta unica fino al 2022, ma anche la rimozione degli ostacoli per l'accesso al credito bancario tra le necessità, secondo Agsi, per il rilancio del settore del gioco.

Si basa sulla riduzione del Prelievo erariale unico e dell’Imposta unica fino al 31 dicembre 2022 per la sola rete fisica uno dei cinque punti fondamentali indicati dal presidente di Agsi, Pasquale Chiacchio e Gianmaria Chiodo, presidente di Cni, a presentare a Parlamento e Governo un documento utile a sensibilizzare la posizione nei confronti delle aziende del gioco legale. 

Oltre alla riduzione del peso erariale e fiscale, secondo il documento, necessaria per "ridurre il divario economico tra le aziende della rete telematica e rete fisica", occorre "prevedere che per le concessioni nelle sale scommesse, nelle sale bingo e nelle sale dedicate, possano essere gestiti tutti i prodotti oggetto di Concessione di Adm (lotto, lotterie, tabacchi, scommesse, etc)", ma anche che "banche e istituti di credito rimuovano gli ostacoli in termini di codici etici e concedano l’accesso al credito in modo agile e rapido alle imprese dei giochi legali".

Serve poi una "tutela delle piccole e medie imprese con regole sostenibili" e, quinto ed ultimo punto, "una moratoria dei regolamenti regionali fino al prossimo bando di gara".

Il documento, consegnato nel corso di alcuni recenti incontri (nella foto quello con Franco Urraro, Lega) con esponenti del Parlamento, è stato recepito positivamente, stando a quando riportato da Chiacchio in una nota pubblica, con i parlamentari che "si sono impegnati a proseguire interlocuzioni con il Ministero dell’economia e finanze", in attesa dell'incontro con il sottosegretario di Stato al Mef, Federico Freni, che dovrebbe essere calendarizzato nelle prime settimane del prossimo anno. 

"Sostegni concreti, che" sottolinea Chiacchio, "dimostrano l'attenzione e il sostegno da parte delle istituzioni verso un intero settore che, più di tutti, ha subito gravi perdite, tanto da essersi indebitato per far fronte persino all’ordinarietà. La nostra azione", conclude il presidente di Agsi, "fondata sul confronto e la sensibilizzazione prosegue senza sosta. Siamo certi che come sempre, riusciremo a portare a casa quel risultato che tutte le imprese attendono dal legislatore".

Share