Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Entrate tributarie, dal gioco 3,6 mld di euro tra gennaio e marzo

  • Scritto da Daniele Duso

Secondo il report pubblicato dal Mef le entrate dai giochi tra gennaio e marzo 2022 ammontano a 3,6 miliardi, oltre uno in più rispetto allo stesso periodo del 2021.

Nei primi tre mesi dell'anno l'entrata erariale derivante dal settore dei giochi ammonta a 3.644 milioni di euro. La cifra emerge dal comunicato emanato dal ministero dell'Economia e delle Finanze, relativo alle entrate dello Stato nel periodo tra gennaio e marzo 2022.

In generale le entrate tributarie erariali accertate nello stesso periodo in base al criterio della competenza giuridica ammontano a 113.402 milioni di euro, con un incremento di 13.621 milioni di euro rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (+13,7%). Il significativo incremento, si legge nel comunicato, "è influenzato sia dal trascinamento degli effetti positivi sulle entrate che si sono determinati a partire dal 2021, sia dagli effetti del "decreto Rilancio e del “decreto Agosto”, che avevano disposto, nel 2020, le proroghe delle sospensioni dei versamenti e successivamente, nel 2021, la ripresa degli stessi consentendo ai contribuenti di rateizzarli.

In particolare, come accennato, dal settore del gioco lo Stato ha ricavato oltre 3,6 miliardi di euro, con un incremento di 1.007 milioni di euro, pari ad un +38,2 percento.

Share