Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Ginestra (Assosnai): "Pronuncia che deve far scuola, non esistono più discriminazioni nel settore"

  • Scritto da Vincenzo Giacometti

In attesa che si concluda la procedura per l'assegnazione delle nuove concessioni, il mercato delle scommesse sportive continua a presentare forti squilibri a causa della persistente operatività di centri non autorizzati che proliferano su tutto il territorio nazionale. Per questa ragionae Assosnai "apprende favorevolmente" che il Tribunale di Roma, con ordinanze del 17/05/13 depositate il 25/05/13, ha confermato il sequestro di alcuni centri collegati all'operatore austriaco Skysport365 Gmbh, evidenziando che le previsioni del Decreto Bersani del 2006 - che erano entrate in contrasto, secondo le statuizioni della Corte di Giustizia, con i principi di libertà di stabilimento e libera prestazione dei servizi – sono state eliminate.

 

"Assosnai – commenta il Presidente Francesco Ginestra – “ha più volte invocato iniziative fattive dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, evidenziando l'importanza di portare all'attenzione dell'autorità giudiziaria le conseguenze giuridiche della nuova gara, al fine di difendere con forza l'applicazione della normativa nazionale vigente in materia, sempre più spesso oggetto di attacchi strumentali”.
“Auspico che quest’ordinanza faccia scuola” – conclude Ginestra – “perché la rete di raccolta scommesse dello Stato è al collasso, a causa di fortissimi squilibri causati dalla presenza di migliaia di punti di raccolta che operano in spregio delle nostre Leggi con condizioni economiche a loro totale vantaggio, che rendono impossibile la redditività delle nostre imprese, oltre a non garantire la tutela dei cittadini e delle entrate a favore della collettività”.

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.