Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Scommesse e Ctd: Monopoli fanno i conti per sanati e sanandi con nuovi scenari

  • Scritto da Ac

Dopo la 'sanatoria' 2015 e quella in corso di svolgimento, i Monopoli di Stato si apprestano a concludere i conteggi per erogare le sanzioni ai sanati e quantificare gli esborsi per i sanandi.

Proseguono i lavori a Piazza Mastai attorno alla cosiddetta 'sanatoria sui Ctd', ovvero, la procedura di regolarizzazione fiscale per emersione disposta dalla Legge di Stabilità nel 2015 e rilanciata con un nuovo provvedimento ad hoc durante l'anno corrente. Offrendo così l'opportunità ad altri 373 centri di sanare la propria posizione, in vista dell'attesa bando per il rilascio delle nuove concessioni.
Ora però, dopo la scadenza dello scorso 30 giugno per il collegamento definitivo al Totalizzatore nazionale di tutti i punti vendita regolarizzati con la procedura del 2015 (per un totale di 2196 centri di raccolta, oggi vere e proprie agenzie) e i successivi 15 giorni “concessi” dai Monopoli di Stato poiché necessari per le operazioni di verifica della rete, la stessa Agenzia è al lavoro per ultimare i conteggi che porteranno all'erogazione delle sanzioni previste per i tre bookmaker 'sanati' (Goldbet, Planetwin e Betaland).

Sanzioni dovute, come noto, al ritardo nel collegamento che si sarebbe dovuto compiere – legge alla mano – entro lo scorso febbraio, ma che l'avvocatura di Stato aveva concesso di poter completare entro il 30 giugno, per un “allineamento ideale” con la scadenza delle concessioni, il quale permetteva di evitare il decadimento dei titoli autorizzativi alla raccolta di scommesse ma non le sanzioni previsti non dalla legge bensì dal Disciplinare siglato tra i bookmaker e i Monopoli di Stato. Da qui il conto che i Monopoli dovranno presentare alle società, calcolato sulla base di ogni punto non collegato tra inizio marzo a fine giugno, che si dovrebbe ultimare nelle prossime ore, in modo da chiudere la partita già entro l'estate, al più tardi alla fine di agosto. Intanto, secondo quanto apprende GiocoNews.it, tutti e tre i bookmaker avrebbero collegato la totalità dei propri centri alla rete legale entro la scadenza finale, con la sola eccezione di qualche centro (nell'ordine delle unità) per il quale si erano ravvisati alcuni problemi tecnici e che sarebbe stato nel frattempo inibito alla raccolta (evitando cioè di continuare a raccogliere giocate come in precedenza, senza passare per il Totalizzatore).
 
LA SANATORIA 2016 - Intanto però gli uffici dell'Agenzia stanno effettuando anche le altre verifiche e i relativi conti sulla nuova porzione di rete di raccolta che si andrebbe a creare con l'allaccio al Totalizzatore nazionale degli altri 373 soggetti 'sanandi', che hanno aderito alla nuova procedura di regolarizzazione durante l'anno corrente. Tra questi, come già anticipato, oltre ad esserci 75 operatori indipendenti, si individuano tre ulteriori bookmaker: Phoenix (titolare anche del brand Bet2875) con 53 richieste di regolarizzazione, Easy World con 189 centri, e Wls Ltd con circa 60. Su questo fronte la procedura prevede che gli operatori, dopo aver versato diecimila euro per ogni punto da regolarizzare, devono indicare da quanto tempo quegli stessi punti effettuavano raccolta sul territorio per il versamento di una quota forfetaria relativa alle giocate effettuate in precedenza. Sulla base di queste dichiarazioni i Monopoli eseguono degli accertamenti attraverso la propria rete di intelligence, verificando ed eventualmente sovvertendo le informazioni ricevute e ricavando di conseguenza le cifre corrispondenti da versare dai bookmaker nei termini previsti, con l'ultima rata da versare a fine novembre. Un lavoro già avviato nelle scorse settimane dagli Uffici di Piazza Mastai con una serie di chiarimenti richiesti ai soggetti 'sanandi' e qualche incontro tra le parti mirato a chiarire eventuali disallineamenti. Ora però, mentre si stanno completando le verifiche – con l'obiettivo, anche qui, di arrivare a una quantificazione definitiva entro l'estate – lo scenario potrebbe cambiare leggermente in vista della possibile acquisizione da parte dei centri in fase di regolarizzazione collegati al brand Wls da parte di uno dei tre soggetti che hanno già aderito alla sanatoria 2015. Un'operazione che – secondo quanto è in grado di riferire GiocoNews.it – si starebbe valutando in queste ore e se concretizzata consentirebbe anche una semplificazione della procedura di regolarizzazione dei circa 60 punti oggi riferibili a Wls. Su questo fronte si attende quindi di conoscere gli sviluppi attesi in questi giorni.
 
SANATORIA ANCHE NEL 2017? Come pure si attendeva di conoscere le intenzioni del governo rispetto alla possibili riapertura della sanatoria, in quanto una soluzione di questo tipo andrebbe a cambiare completamente (e nuovamente) lo scenario. Nonostante la smentita del Sottosegretario Pier Paolo Baretta dei giorni scorsi, l'emendamento governativo che prevedeva la riapertura dei termini sarebbe pronto per essere inserito in un decreto legge in fase di approvazione, nonostante siano sfumate le prima due opportunità legislative rappresentate dal Decreto Milleproroghe e da quello sugli Enti locali dove il tema era stato sfiorato durante l'iter in Parlamento. Ora però le possibilità si sarebbero ridotte notevolmente, tenendo conto che un'operazione di questo tipo potrebbe essere fatta solo con un decreto e non mediante un disegno di legge, per via dei tempi tecnici richiesti dai due tipi di provvedimento ed è quindi da escludere che un eventuale operazione di questo tipo possa concretizzarsi dopo la pausa estiva dei lavori parlamentari. A quel punto, probabilmente, se ne potrebbe riparlare in fase di stesura della Legge di Stabilità per il 2017 ma a quel punto si tratterebbe di un'altra partita e quindi al di fuori dell'attuale procedura di regolarizzazione.
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.