Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Giochi, Cds conferma riscossione forzata cauzione per Cnr

  • Scritto da Redazione

Il Consiglio di Stato conferma l'ordinanza del Tar Lazio che sancisce la riscossione forzata della cauzione per mancata proroga della fideiussione a società di giochi.

 

"Le doglianze contenute nel presente gravame non appaiono meritevoli di favorevole apprezzamento quanto al fumus boni juris.
E, anche alla luce di quanto dichiarato dal difensore dell’appellante all’odierna udienza, non risulta apprezzabile alcun periculum in mora, venendo in rilievo una questione meramente patrimoniale".


Per questo motivo il Consiglio di Stato ha respinto l'appello della Cnr S.r.l. contro l'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli per la riforma dell'ordinanza cautelare del Tar Lazio relativa alla rimozione forzata della cauzione e alla proroga della concessione per la gestione dei giochi pubblici.


Il Tar Lazio, che si è pronunciato in proposito nel novembre 2016, aveva respinto la richiesta di annullamento presentata dai legali della società della "nota con la quale viene escussa la cauzione prestata sotto forma di polizza fideiussoria dell'importo pari ad euro 267.06,36 e del provvedimento con il quale veniva prevista la proroga della concessione e richiesto l'impegno a presentare l'estensione della proroga della fideiussione già prestata oppure a prestare nuova garanzia con durata fino al 30 giugno 2017" poiché non erano "stati forniti idonei elementi di prova in ordine ai profili per indurre ad una ragionevole previsione sull'esito favorevole del ricorso, considerando che il provvedimento risulta congruamente motivato e adottato all’esito di una adeguata istruttoria".

 

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.