Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Monopoli: 577 agenzie di scommesse prive di licenza, 300milioni sottratti allo Stato

  • Scritto da Sm

I controlli sul settore scommesse, di cui l’Agenzia delle dogane e dei monopoli ha avuto riscontro documentale, sono stati effettuati a partire dal gennaio 2012 in 284 comuni d’Italia e hanno permesso di rilevare 577 agenzie di raccolta scommesse prive di licenza di Pubblica Sicurezza che hanno operato per conto di 26 bookmaker italiani ed esteri, privi di concessione statale. In esito ai controlli, svolti sia dal personale dei Monopoli che dalla Guardia di Finanza e dalle altre forze di polizia, sono stati attivati dagli uffici regionali dell’Agenzia 607 procedimenti tributari (alcune agenzie sono risultate operare per conto di diversi bookmaker) per il recupero dell’imposta unica sulle scommesse e l’irrogazione delle relative sanzioni tributarie.

Scommesse ippiche: prima metà di aprile a 36 milioni (-28,42%)

Assogaloppo e Uif dichiarano lo stato di agitazione: il 13 maggio in piazza insieme alla Rappresentanza Unitaria

Scommesse sportive: calo rispetto al primo quadrimestre 2012, numeri costanti rispetto al mese precedente

VALORE DEGLI ACCERTAMENTI - I procedimenti tributari in questione hanno permesso, fino ad oggi, di accertare una base imponibile sottratta a tassazione pari a 296.366.156 euro e un totale di 19.775.399 euro a titolo di imposta unica sulle scommesse e relative sanzioni tributarie.

L’aliquota media d’imposta effettivamente risultante dagli accertamenti eseguiti varia a seconda dell’anno (dal 4,52% del 2011 al 6,8% del 2007) a causa delle differenti aliquote previste a seconda del numero di eventi delle scommesse concretamente oggetto di recupero a tassazione (più o meno sette eventi per ciascuna scommessa). Gli importi irrogati a titolo di sanzione, rispetto all’imposta evasa, variano a seconda dell’anno: per gli anni d’imposta 2007 – 2010 (in media il 6,5% nonostante la misura prevista per legge pari al 30% dell’imposta evasa) in quanto non era ancora in vigore l’art. 1 comma 66 della L. n. 220/2010, pertanto in molti casi debitamente documentati, non sono state applicate sanzioni. Negli anni 2011 e 2012, invece, la media sale a circa il 100% in quanto la misura prevista per legge è stata aumentata dal 120% al 240% dell’imposta evasa, ed in alcuni casi debitamente documentati, non sono state applicate sanzioni.

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.