Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Consiglio di Stato su Ctd, GoldBet: “Ignorato passaggio della sentenza Biasci”

  • Scritto da Redazione

L’avvocato Augusto Dossena, difensore di Goldbet, commenta le sentenze emesse nella giornata di mercoledì scorso dal Consiglio di Stato sul rilascio della licenza articolo 88 del Tulps ai Centri di Trasmissione Dati collegati a bookmaker esteri.

“Con le sentenze rese il Consiglio di Stato ha modificato in modo radicale la consolidata giurisprudenza formatasi negli anni in materia di rigetto della licenza ex art. 88 Tulps per i Ctd, che mai erano stati ritenuti privi di interesse all'autorizzazione e quindi di legittimazione processuale ad impugnare il diniego. La qualificazione del Ctd proposta dal Supremo Collegio non appare condivisibile, poiché annulla il ruolo di presidio dell'ordine pubblico attribuita alla licenza che lo stesso Consiglio di Stato aveva in passato più volte affermato, evidenziandone l'autonomia rispetto alla concessione. Ma più di questo, risulta sorprendente come il Collegio abbia completamente ignorato il pronunciamento della Corte di Giustizia nel Caso Biasci, nella parte in cui stabilisce che qualora la procedura di rilascio delle concessioni si presenti viziata, tale vizio inficia anche il rifiuto di concedere la licenza di Pubblica Sicurezza se basato solo sulla mancanza di concessione. L’indifferenza del Giudice interno rispetto ad una statuizione così rilevante della Corte di Giustizia Europea - la cui interpretazione, lo ricordo, è vincolante per tutti gli organi interni dello Stato membro dell'UE - rappresenta a mio avviso il passaggio meno condivisibile della decisione del Consiglio di Stato, rispetto alla quale ci riserviamo ogni ulteriore iniziativa, fra le quali non escludiamo il ricorso alla Corte Europea dei Diritti dell'Uomo”.

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.