Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Al via Euro 2016, De Grandis: 'Francia, la squadra da battere'

  • Scritto da Cesare Antonini

Stefano De Grandis, top opinionista di Sky Sport, traccia a Gioco News gli scenari per gli Europei di 2016 al via il 10 giugno in Francia.


Da Sky Sport a Rai Sport fino alla carta stampata con le pagine 'rosa' della Gazzetta dello Sport. Per cercare di capire come andrà l'Europeo di Francia che inizia oggi, 10 giugno, non ci siamo affidati a quotisti ed esperti di betting. Siamo andati oltre. Ci siamo immaginati in regia a commentare una partita e ci siamo collegati alla sala stampa prestigiosa di un evento come quello che andrà in scena in Francia fino al 10 luglio e che si tiene ogni 4 anni. Chi meglio dei grandi opinionisti tv e degli storici inviati delle maggiori testate sportive potevano darci il loro punto di vista sull'Europeo e su come andrà la nostra Italia fornendoci indirettamente uno scenario utilissimo che aiuterà senz'altro sia antepost che pre-match i nostri lettori a piazzare le migliori scommesse per la competizione d'Oltralpe tanto attesa? Cominciamo con Stefano De Grandis, top opinionista di Sky Sport, protagonista con Enrico Varriale (Rai Sport) e Fabio Bianchi (Gazzetta dello Sport) di uno speciale pubblicato sul numero di giugno della rivista Gioco News.


“La Francia mi piace davvero tanto e sarà davvero la squadra da battere. Ma attenzione all'Inghilterra, un po' per l'effetto Leicester se vogliamo e un po' perché è davvero ben attrezzata ma anche perché è da molto che non vince un titolo e questa potrebbe essere l'occasione giusta!”. Stefano De Grandis ha seguito tutta la Serie A e la stagione calcistica come opinionista di Sky Sport nei programmi di punta della rete di Murdoch e lancia la sfida densa di storia tra Francia e Inghilterra.

“Ripeto, la Francia parte favorita ma l'Inghilterra è davvero molto forte anche se bisogna capire se Roy Hodgson ha imparato a fare l'allenatore – scherza De Grandis - una rosa importante prodotta da un campionato davvero bello come la Premier League con il solito Rooney ma anche Vardy, il cannoniere della squadra campione di Ranieri, che potrebbe non partire titolare visto che ci sono, lì davanti, anche Sturridge del Liverpool e Harry Kane del Tottenham. In mezzo Gerrard, Lampard, Milner, Lallana, Sterlin e Carrick e altri ancora. Ma occhio anche al Belgio, per loro un banco di prova ma giocare contro questa squadra non sarà facile come sempre, hanno un talento pazzesco”.
E la Germania? “Mi affiderei semplicemente alla mitica citazione dell'ex stella inglese Gary Lineker che disse: a calcio si gioca undici contro undici e alla fine vince la Germania”. Poco da aggiungere, passiamo alla Spagna: “Ovviamente va considerata per i successi avuti in queste ultime edizioni di Mondiali ed Europei ma la vedo un po' in calo e potrebbe non brillare come al solito”.

Veniamo alla Nazionale di Antonio Conte che, non a caso, chiamiamo in causa solo adesso: “In effetti la nostra selezione la vedo in seconda fila. Senza Verratti e Marchisio il 3-5-2 verso il quale sembra orientato il nostro commissario tecnico risulta molto indebolito. Se proprio deve essere questo il modulo io avrei portato Sebastian Giovinco che sembra perfetto per questa disposizione in campo. Se avrei portato altri giocatori al posto di Conte? Molti parlano bene di Leonardo Pavoletti e so quanto vale ma io ho un grande rispetto per Graziano Pellé. Non giocheremo sempre col 3-5-2, credo che Conte sceglierà spesso anche il 4-3-3. In questo modulo Pellè è uno che fisicamente sarà perfetto per fare il perno centrale di quel modulo, prendere sportellate e aprire gli spazi. In ogni caso questo parco attaccanti credo sia stato dettato proprio dalle idee che ha Conte: il mister si immagina coppie come Immobile-Zaza o Immobile-Eder e così via”.

De Grandis in prima linea dai primi di giugno nei canali Sky: “Tra Coppa America e Euro 2016 avremo davvero tanto da fare ed eventi bellissimi da seguire. Non so se andrò anche in Francia, per ora lavorerò in studio da Milano. Se volete una chicca finale per queste competizioni tornerà a lavorare anche Ilaria D'Amico”.
 
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.