Logo

Scommesse, Cds conferma la decadenza di Easy world

Il Consiglio di Stato conferma la decadenza disposta da Adm per l'operatore di scommesse Easy world.

“Pure nei limiti della sommaria cognizione propria della tutela cautelare, l’appello non appare fondato alla luce della giurisprudenza di questo Consiglio di Stato secondo cui l'esercizio del potere di autotutela amministrativa - qui in relazione all’istanza presentata dalla società appellante in data 8 marzo 2018 - costituisce espressione di un potere di merito, rispetto al quale non è configurabile un obbligo di provvedere, e non può di per sé riaprire il termine di impugnazione di atti precedentemente adottati dall’Amministrazione, dei quali l’istanza di autotutela chieda il ritiro, l’annullamento o la modifica (sez. V, 25 luglio 2015, n. 3964, e 27 agosto 2015, n. 4374)”.

 

 

Per questo motivo il Consiglio di Stato ha ritenuto infondata e quindi respinto la domanda cautelare proposta da Easy world Ltd contro l'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli per la riforma della sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio che ha dichiarato “irricevibile” il ricorso della società contro il provvedimento di decadenza e il distacco definitivo, in data 15 maggio 2018, dal totalizzatore nazionale.
 
 
La decadenza era stata decisa da Adm per ritardi nel versamento dell'imposta unica del primo quadrimestre 2017 e nella comunicazione dei flussi delle giocate dopo l'adesione alla procedura di emersione per regolarizzazione fiscale ai sensi della legge di Stabilità 2015.
 
© Copyright 2017 GiocoNews.it powered by GNMedia s.r.l. P.iva 01419700552. Tutti i diritti riservati.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.