Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

10bet partner ufficiale della Juve, Ricci: 'Attività solo fuori dall'Italia'

  • Scritto da Amr

La società di scommesse online 10bet diventa partner della Juve: una collaborazione solo al di fuori del territorio italiano, nel rispetto di quanto prevede il Dl Dignità.

Un accordo che, così come prevedono i divieti stabiliti con il decreto Dignità, porterà allo sviluppo di attività solo al di fuori dai confini nazionali. La società di scommesse online 10bet è diventata partner ufficiale di gioco e scommesse della Juventus per le prossime tre stagioni calcistiche. Come si legge in una nota dell'operatore di gioco, nel corso dell'accordo pluriennale 10bet svilupperà contenuti promozionali e attività di marketing per i tifosi della Juventus, inclusi contenuti esclusivi e omaggi che daranno ai fan l'opportunità di vivere da vicino i campioni d'Italia.

Il direttore delle entrate della Juventus, Giorgio Ricci, sottolinea la ratio della scelta del bookmaker online e le modalità di attuazione dell'accordo: "Lavoreremo esclusivamente fuori dall'Italia insieme a un partner per il quale intrattenimento e coinvolgimento sono le attività principali. La particolare attenzione rivolta al mercato e al pubblico globali, tema chiave per 10bet e il Club, attesta la perfetta sinergia tra le nostre aziende. In effetti questo accordo si adatta idealmente al progetto di crescita internazionale in corso che è stato in via di sviluppo dalla Juventus ormai da anni.”

Un portavoce di 10bet aggiunge: "Siamo entusiasti di collaborare con un marchio così prestigioso come la Juventus ed entrambi i marchi condividono gli stessi valori e principi. Abbiamo la passione di presentare al nostro pubblico i prodotti più unici e divertenti e siamo fiduciosi che si tratterà di una partnership a lungo termine reciprocamente vantaggiosa".

La piena entrata in vigore delle disposizioni sul gioco contenute all'articolo 9 del decreto Dignità ha portato le grandi società sportive, soprattutto calcistiche, a dover rivedere le loro strategie in termini di accordi con i bookmaker. Di fine agosto, l'annuncio da parte dell'As Roma di un accordo con una società asiatica di scommesse, mentre in precedenza, per quanto riguarda il mercato italiano, aveva dovuto rescindere il contratto triennale che la legava a Betway, con una perdita di circa 15,5 milioni di euro.

 

Share