Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Scommesse fisiche, online e vincite, cosa cambia ai tempi del Covid-19

  • Scritto da Redazione

Il Covid-19 ha stravolto il mercato delle scommesse fisiche, del betting online e anche per la riscossione delle vincite, ecco cosa cambia in queste fasi storiche.  

Se il primo lockdown è stato devastante per tutti i giochi tranne che per il poker e i casino online, nel corso della seconda ondata da Covid-19 che ha prodotto chiusure in tutti i Paesi d’Europa e a zone nel nostro Paese, se non altro la continuità degli eventi organizzati in quasi tutti gli sport, almeno per le massime competizioni, hanno dato un grosso boost al settore delle scommesse sportive. Ma, naturalmente, le misure di sicurezza adottate dal Governo Conte per affrontare la seconda ondata di contagi di Coronavirus rischiano di essere fatali per le aziende del settore dei giochi e delle scommesse retail, terrestre insomma. Il comparto già  era stato messo in difficoltà  in primavera con il lockdown, imposto dall’€™alto come un fulmine a ciel sereno. Sale da gioco, sale scommesse, da bingo e corner del settore erano allora stati chiusi come ogni altra attività  considerata non necessaria in Italia per poi riaprire durante l’estate. Un po’ di respiro nelle casse c’è stato ma le nuove chiusure dall’autunno col rischio che si arrivi ad una ripartenza dopo lo scadere dell’ultimo Dpcm nel mese di marzo, potrebbero dare un colpo mortale alle aziende del gioco fisico. A fronte anche di una scarsezza di sussidi e ristori da parte del Governo centrale.

Molte concessionarie hanno potuto respirare grazie alla loro presenza nei mercati online grazie ad una logica di approccio ominchannel.

Ma com’è andata nei dati? Il settore, dicono le statistiche, ha perso il 25% degli incassi per un totale di circa 30 miliardi di euro in meno rispetto al 2019, considerando tutto il settore, quindi sia i giochi e le scommesse online che quelle €™offline, anche se la situazione dei due comparti è certo piuttosto differente. All’erario, intanto, mancheranno circa 4-5 miliardi di euro oltre ai tagli di personale che, specie con la fine dello stop dei licenziamenti, si aggraveranno ancora di più. Le slot perderanno il 50% della raccolta, le vlt il 65%, il settore delle scommesse sportive il 20% (conseguenza anche degli stop nelle competizioni sportive). Importanti anche le perdite nelle lotterie e nei giochi numerici.

Come detto un po’ di compensazione c’è tra retail e online che, invece, ha avuto un forte incremento nel corso di questo 2020 e non solo in Italia, ma anche in Europa. La percentuale di aumento rispetto all’anno scorso è del 40%. Ciononostante, avendo mediamente un payout maggiore, l’incasso per l’erario sarà  di circa di 100 milioni di euro.

E’ quindi fondamentale capire come si riscuotono le vincite alle scommesse, o quanto prende un notaio per riscuotere una vincita al banco del bookmaker. E se dal vivo, sembra scontato, si vince e si ritira nello stesso luogo, come funziona nei bookmaker digitali?  Parlando con Michele di scommetteronline.info, ad esempio,  capiamo che, prima di tutto, bisogna validare il proprio conto gioco inviando una copia della carta d'identità (usata in fase di iscrizione): in questo modo sarà più difficile, per eventuali truffatori, rubare le nostre vincite!

Intanto è importante capire innanzitutto se si è vinto e si devono verificare le vincite di scommesse sportive autorizzate Aams. Per fortuna, anche in tempo di Covid-19. a fronte delle misure differenziate per regione, adottate dai vari Dpcm per fronteggiare la pandemia Covid, Sisal aveva fatto chiarezza su SuperEnalotto e gli altri giochi numerici, ricordando che restano disponibili sia nel canale fisico sia naturalmente online e sono immutate le tempistiche di riscossione delle ricevute vincenti. Questo sia per le le vincite di Sisal (che spiegano anche alla perfezione dove riscuotere) che per il reato dei giochi del bouquet dell’authority pubblica, Adm.

E ci mancherebbe altro, direbbe qualcuno, visto che, oltre alla tassazione alla fonte sempre più crescente nel settore del gioco pubblico e l’aumento di tantissime regole che appesantiscono i costi di concessionari e bookmaker, lo Stato tassa anche gli importi di 500 euro o superiori per non parlare delle vincite milionarie o da centinaia di migliaia di euro. Per questo le regole dello Stato sul sito dell'ADM ci confortano e chiariscono tutti i passaggi che, ovviamente garantiscono una riscossione rapida e sicura.
E un altro servizio importante è come riscuotere una vincita al Superenalotto in anonimato per proteggere la propria privacy e anche la sicurezza personale (girare con jackpot da decine di milioni in tasca o farlo semplicemente sapere ai vicini di casa non è il massimo) e in generale dove riscuotere le vincite Sisal e quelle di altre concessionarie.
Share