Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Rapporto Uefa sul calcio: '19% degli sponsor sono società di gioco'

  • Scritto da Redazione

Dal Rapporto annuale sulle prestazioni dei club del calcio europeo pubblicato dall'Uefa emerge il 'peso' delle società di gioco come sponsor.

Le società di scommesse sportive e di gioco con vincita in denaro rappresentano ora il 19 percento di tutti i principali sponsor di maglia nelle principali divisioni europee, con un aumento di 2 punti percentuali rispetto allo scorso anno, nonostante più Paesi abbiano introdotto regolamenti che vietano le sponsorizzazioni di scommesse sportive e società di gioco ai club sponsor. Infatti, dei 183 club che hanno svelato un nuovo main sponsor della maglia all'inizio della stagione più recente, un quarto di quei club aveva concluso accordi con società di gioco d'azzardo o scommesse sportive”.

È quanto emerge dalla lettura della tredicesima edizione del rapporto The european club footballing landscape, il rapporto annuale sulle prestazioni dei club del calcio europeo per club, pubblicato dall'Uefa.


In tutte le diverse proprietà di sponsorizzazione analizzate in questo rapporto (principali sponsor di maglia, sponsor di manica, sponsor di pantaloncini e diritti di denominazione degli stadi), nessun singolo settore ha una quota di mercato superiore al 25 percento in termini di numero di accordi.
Le aziende di vendita al dettaglio costituiscono il 16 percento di tutti gli short sponsor; e i fornitori di servizi finanziari rappresentano il 25 percento di tutti i partner per i diritti di denominazione degli stadi.
 
Il Rapporto dell'Uefa quindi dedica un paragrafo specifico alle restrizioni alla sponsorizzazione delle scommesse sportive, che, nonostante questo, risultano in aumento.
“Italia, Francia, Danimarca e Spagna sono gli ultimi Paesi ad aver vietato alle società di scommesse sportive di diventare sponsor delle maglie dei club. Mentre l'elenco dei Paesi con restrizioni alla sponsorizzazione da parte delle società di scommesse sportive e di gioco d'azzardo è cresciuto, anche il numero di accordi firmati con tali società è cresciuto. La Spagna è l'ultimo Paese ad aver introdotto restrizioni, dalla stagione 2021/22, nonostante avesse avuto sette club sponsorizzati da bookmaker nella stagione precedente. Quattro di questi sette club non sono riusciti ad assicurarsi un nuovo sponsor per la stagione in corso all'inizio del campionato nazionale”.
 
Il Rapporto Uefa quindi rimarca che “le società di scommesse sportive e gioco d'azzardo sono gli sponsor principali di almeno la metà dei club di massima divisione in sei Paesi, il che li espone a potenziali restrizioni governative. Anche le massime divisioni in Inghilterra, Belgio e Russia potrebbero essere a rischio, con almeno cinque club in ciascuno legati anche a sponsor dell'industria del gioco d'azzardo. Il bookmaker ucraino Parimatch è attualmente l'unico marchio con una quota di mercato superiore all'1 percento nelle principali divisioni europee, presente sulle maglie di 11 club in 4 campionati. Questa penetrazione relativamente bassa da parte dell'azienda più importante del settore illustra il numero e la varietà di potenziali partner a disposizione dei club in Paesi senza restrizioni”.
 
Il Rapporto è consultabile nella sua interezza a questo link.
 
Share