Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Boom del Totocalcio, Adm alza tetto dei terminali nei corner sportivi

  • Scritto da Redazione

In virtù del 'crescente riscontro ottenuto dal Totocalcio', l'Agenzia accise, dogane e monopoli consente aumento del numero dei terminali nei corner sportivi, ne sono permessi al massimo quattro.

D'ora in poi, sarà consentito l’aumento - fino a quattro unità - del numero massimo di
terminali di gioco presso i punti di gioco denominati "corner sportivi", previsti dalla convenzione di concessione per la raccolta giochi pubblici.


A stabilirlo una determinazione direttoriale dell'Agenzia accise, dogane e monopoli firmata dal direttore centrale della Direzione giochi, Stefano Saracchi (consultabile nella sua interezza a questo link).

Le motivazioni?
Il "crescente riscontro ottenuto dal Totocalcio" e la "previsione di una ancor maggiore incremento della raccolta di tale concorso pronostici", in virtù dei quali si "è verificato un maggior afflusso di pubblico nei corner di gioco sportivi, anche in considerazione del fatto che il Totocalcio – a riprova della sua natura - viene giocato, prevalentemente, in esercizi che non hanno come attività principale quella della raccolta del gioco".


Viene considerato anche "il persistere dell’attuale stato di emergenza legato alla pandemia da
Covid-19 impone di assumere ogni misura idonea a favorire il maggior distanziamento sociale tra le persone per ridurre il rischio di contagio".
Inoltre, si legge ancora nella determinazione direttoriale, "i terminali assolvono anche a una funzione di informazione in ordine ai prodotti e servizi offerti, atta, nella fattispecie, a garantire la giusta comunicazione a prodotti di gioco legale - come il Totocalcio" e "la migliore e più ampia espansione del Totocalcio può contribuire a ricondurre il pubblico verso giochi con maggiore coinvolgimento intellettivo per eliminare gli effetti patologici, con positivi riflessi anche per la tutela della salute pubblica".

Quindi, si ritiene necessario, "ai fini di favorire il distanziamento all’interno dei corner sportivi, di diffondere forme di gioco con maggiore coinvolgimento intellettivo che quindi hanno meno propensione alla produzione di disfunzioni anche tramite una capillare informazione circa le stesse".
 
Share