Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

D’Angeli (Mag): ‘eSports, fenomeno da 500 milioni di giocatori’

  • Scritto da Ac

Laura D'Angeli, di Mag, evidenzia al convegno sugli eSports alla Social Media Week come il numero dei videogiocatori sia in costante crescita.

 

Milano - “Se guardiamo i numeri che descrivono il fenomeno degli eSports a livello globale ci rendiamo conto abbiamo a che fare con un fenomeno enorme e forse senza paragoni, con oltre 500 milioni di videogiocatori che giocano a livello competitivo e tra questi, più di 220 milioni lo fanno almeno una volta al mese”. A parlare è Laura D’Angeli, responsabile della business unit Gamification di Mag Consulenti e Associati, relatrice al convegno di GiocoNews sugli eSports alla Social Media Week di Milano. “Si tratta di Numeri che fanno già intendere quanto possa essere enorme anche il cosiddetto indotto, pensando a tutti gli attori che intervengono attorno al fenomeno e, soprattutto, ricordando al fatto che l’audience degli esports non è limitata ai soli giocatori ma c’è anche un pubblico di spettatori che non necessariamente giocano anch’essi in competizioni.

“Gli eSports sono la conseguenza della trasposizione di due precisi fenomeni – ha aggiunta D’Angeli: il gioco, come attività innata e comune a tutti che diventa oggi videogioco e la competizione, che è oggi alla base delle nuove generazioni”.

Per avere un futuro certo e stabile, secondo la consulente, gli eSports dovranno essere certamente regolati e proseguire nel percorso di digitalizzazione: per non rimanere come un fenomeno utilizzato unicamente a scopo di business ma rendendo centrale l’attività dei giocatori, con regole chiare e certe”.

 

Share