Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Enada, D’Angeli (Mag): 'eSports, nel 2021 business da 1,7 miliardi'

  • Scritto da Ca

Laura D’Angeli (Mag) traccia gli scenari futuri per lo sviluppo del business degli eSports al convegno organizzato da Gioco News a Enada Primavera.

Rimini - “Gli eSports sono competizioni di professionisti che hanno come protagonisti i videogiochi. In questa definizione c’è tutto, i giochi, i professionisti e dove stiamo andando. Da partite tra amici a sviluppo clamoroso nel mondo. Abbiamo capito che non piace solo giocare ma anche guardare giocare”.

Parola di Laura D’Angeli, esperta di gaming e gamification per Mag, intervenuta al convegno “Gli eSports come business e opportunità” organizzato da Gioco News a Enada Primavera oggi, 13 marzo.

 

Su 445 milioni di giocatori ben 160 milioni amano solo guardare. Nel 2021 potrebbero salire a 1,7 miliardi. Non parliamo solo di sport, Fifa, corse e altro ma anche di sparatutto, giochi di carte o League of Legends. I giocatori sono dei veri e propri atleti perché vi si dedicano proprio come se fosse uno sport vero. Si tratta di un fenomeno cross su tre elementi. A livello generazionale si va dai millennials dai 18 ai 44 anni.
A livello di canale non è solo online ma anche live e i contenuti vengono trasmessi in streaming online dal vivo.
E poi non ci sono confini si gioca davvero in tutto il mondo senza barriere.
A livello di business questo significa grosse potenzialità di sviluppo. Si parlava di previsioni di mercato a 1,7 miliardi di dollari ma i numeri rispetto alle potenzialità possono anche essere minori. Ma ci sono tante evoluzioni a livello tecnologico.
Stanno nascendo anche gli eSports bar e sono più di mille al mondo con strutture, connessioni che magari non riesco ad avere in casa”, conclude D'Angeli.
 
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.