Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Agnano: de Magistris a Martina 'Ingiusta distribuzione risorse'

  • Scritto da Sm

Fra pochi giorni scatteranno 23 licenziamenti all'ippodromo di Agnano e il sindaco di Napoli Luigi de Magistris scrive al ministro Maurizio Martina.

Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, ha scritto al ministro delle Politiche Agricole, Maurizio Martina, “in merito alla preoccupante ed insostenibile situazione che sta attraversando l'ipporomo di Agnano”.

Secondo il primo cittadino, “la ripartizione delle quote derivanti dai finanziamenti agli ippodromi d'Italia da parte del ministero dell'Agricoltura continua, infatti, ad essere ingiusta nei confronti di Agnano, perchè frutto di una procedura che non prende atto del bacino di riferimento, del contributo importante alla definizione del monte premi, del livello occupazionale notevolmente superiore del nostro ippodromo rispetto a quello degli altri presenti nel nostro Paese e conferma criteri legati a logiche discrezionali. Il triste paradosso è che a tanti impegni a cambiare questa situazione da parte di autorevoli esponenti del Ministero non ha fatto seguito alcun atto concreto da parte di chi avrebbe potuto e dovuto farlo. Partendo da questa situazione la società che gestisce l'ippodromo di Agnano ha posto in mobilità 23 dipendenti. Fra pochi giorni la mobilità si trasformerà in licenziamenti provocando, così, una situazione drammatica per i lavoratori stessi, le loro famiglie ed il delicato tessuto economico e sociale della città di Napoli”.

A fronte di questa vera e propria emergenza, il sindaco ha riconfermato la propria solidarietà e vicinanza ai lavoratori ed alle loro rappresentanze sindacali e ha chiesto al ministro Martina un urgente incontro per affrontare in modo conclusivo la vicenda dell'ippodromo di Agnano.
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.