Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Caso Bpm, Corallo (Bplus): "Estraneo ai fatti contestati"

  • Scritto da Redazione GiocoNews
  • Published in Generale

betplusFrancesco Corallo, patron di Bplus, dichiara “la sua assoluta estraneità ai fatti, in particolare escludendo categoricamente l'esistenza di un contratto di consulenza a Londra con Massimo Ponzellini, escludendo inoltre qualunque rapporto di utilità con l’onorevole Marco Milanese che ritiene invece l’artefice di una norma giuridica particolarmente restrittiva e insidiosa per le concessionarie del gioco legale e in particolare per la società di cui è socio”. L'imprenditore, verso il quale è stata emessa una ordinanza di custodia cautelare in carcere, non si trova in Italia, in quanto cittadino estero. Come spiega una nota, il suo legale, l'avvocato Bruno Larosa ha avuto modo di contattarlo telefonicamente. Per quanto riguarda la società Bplus, a lui riconducibile, Corallo sostiene che “non è mai stata residente off shore essendo sin dalla sua costituzione una società inglese appartenente allo spazio economico europeo”. Francesco Corallo ha inoltre incaricato il suo legale “di presentare una denuncia per calunnia nei confronti di funzionari ministeriali e altri che abbiano dichiarato all’autorità giudiziaria cose assolutamente false, anche in considerazione del fatto che da diversi mesi la Bplus ha presentato presso la Procura di Roma una articolata e documentata denuncia sporta nei confronti di alti funzionari pubblici del ministero dell'Economia e di alcune società concorrenti nel mercato del gioco legale, per condotte sospettate di gravi illiceità tenute a vantaggio di alcune concessionarie e a danno della BPlus”. Francesco Corallo, infine, riporta Radiocor, ha anche espresso “la sua fiducia nella magistratura convinto che sia quella romana che quella milanese vorranno andare in fondo alla complessa vicenda accertando se dietro le dichiarazioni calunniose mosse nei suoi confronti non vi sia invece l’intenzione di togliere dal mercato la Bplus a vantaggio di alcuni dei suoi concorrenti”.

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.