skin

I junket di Macao: 'Governo rinunci al prelievo sulle commissioni'

11 febbraio 2023 - 10:14

Un gruppo di operatori junket di Macao esorta il governo a rinunciare al prelievo sulle commissioni.

Scritto da Mc
@ Tristan Schmurr su Flick

@ Tristan Schmurr su Flick

Un gruppo commerciale di junket di Macao ha inviato una lettera all'amministratore delegato della città, Ho Iat Seng, chiedendo al governo di rinunciare parzialmente a un prelievo esistente sulle commissioni pagate dai casinò ai junket.
Il veterano operatore di junket con sede a Macao U Io Hung, rappresentante della Macau Gaming Promoter Professionals Association, ha dichiarato a GgrAsia che il gruppo ha inviato la lettera nei giorni scorsi ed è ora in attesa di feedback dal governo di Macao.

I junkets, noti anche come promotori di giochi, sono autorizzati dal governo di Macao a promuovere i giochi Vip nei casinò della città. A loro vengono offerti incentivi per portare i giocatori nei casinò, guadagnando una commissione sul turnover delle fiches, con tale commissione limitata all'1,25 percento.
Dalla liberalizzazione del settore dei casinò della città, all'inizio degli anni 2000, una ritenuta alla fonte del 5 percento - dovuta al governo di Macao - viene applicata sulle commissioni pagate dagli operatori di gioco ai junket.
Fino alla fine dello scorso anno, i junket potevano beneficiare di una disposizione legale che permetteva al governo di Macao di autorizzare un'esenzione totale o parziale dalla tassazione sulle commissioni junket o sulle remunerazioni pagate in natura, come trasporto, alloggio, cibo e bevande, e intrattenimento, portando i junket ad essere soggetti a un'aliquota fiscale netta inferiore. Ma a seguito delle modifiche normative emanate dall'inizio di quest'anno, ciò non è più possibile.

Dunque i junket stanno ora sollecitando il governo a utilizzare una diversa disposizione legale, che già esisteva ma non veniva utilizzata dal 2007, secondo le informazioni pubblicamente disponibili. Tale disposizione consente all'amministratore delegato della città di autorizzare un'esenzione totale o parziale, fino a 2 punti percentuali, dalla tassazione su commissioni o compensi junket. Tale esenzione, tuttavia, non può superare un totale di cinque anni.
“L'amministratore delegato di Macao ha la possibilità di rinunciare a parte del prelievo sulle commissioni pagate ai junkets. Quello che stiamo esortando il governo a fare è proprio questo", afferma U a GgrAsia.

La neonata Macau Gaming Promoter Professionals Association ha 50 membri del settore, tra cui 11 operatori di junket con licenza a Macao, secondo U.
Ci sono attualmente 36 operatori di junket con licenza a Macao, secondo i dati pubblicati dall'autorità di regolamentazione del gioco della città all'inizio di gennaio. Ma solo meno di un terzo di loro è attualmente attivo sul mercato e solo la metà dei sei concessionari di giochi della città sta lavorando con partner junket.
Secondo la nuova legge sui junket di Macao - approvata dall'Assemblea legislativa della città a dicembre - agli operatori di junket è consentito di guadagnare una commissione per il loro servizio di promozione del gioco, ma è loro vietato condividere le entrate del casinò in "qualsiasi forma" con gli operatori di casinò con cui collaborano. Quest'ultimo era stato un modello di business comune per gli operatori di junket a Macao fino allo scorso anno.
Con la fine del modello di business basato sulla ripartizione dei ricavi e il cambiamento nel modo in cui viene applicata la tassa sulle commissioni pagate ai junket, i costi operativi per i junket sono diventati più alti.
“Con questo prelievo sulle commissioni, siamo anche in svantaggio”, aggiunge U, riferendosi al fatto che i Vip diretti – ovvero le operazioni Vip gestite direttamente dai concessionari dei casinò – non sono soggetti a tale prelievo.
In base al quadro giuridico rivisto entrato in vigore a gennaio, ogni junket di Macao può collaborare solo con un singolo operatore di gioco.
Nell'intero anno 2019, prima della pandemia di Covid-19, il segmento Vip, comprese le operazioni junket e Vip diretti, rappresentava il 46,2 percento delle entrate lorde complessive del gioco del casinò di Macao.

Da allora il settore dei junket a Macao ha registrato un forte calo degli affari, innescato da un maggiore controllo normativo a livello locale e nella Cina continentale, il più grande mercato di origine di clienti Vip per i casinò della città. Ciò ha coinciso con l'arresto di alto profilo - rispettivamente nel novembre 2021 e nel gennaio dello scorso anno - di due dei più grandi boss junket: Alvin Chau Cheok Wa, del marchio Suncity Group, e Levo Chan Weng Lin, del marchio Tak Chun, per accuse separate di gestione di operazioni di gioco d'azzardo illegali.

Altri articoli su

Articoli correlati