Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Il decreto del Tar Umbria sull'ordinanza regionale che ha bloccato il gioco

  • Scritto da Redazione

Il Tar Umbria accoglie istanze degli operatori del gioco contro l'ordinanza della governatrice Donatella Tesei che ne ha sospeso l'attività dal 20 ottobre al 14 novembre 2020.

“Un pregiudizio grave ed irreparabile derivante dalla sospensione delle attività svolgentesi nelle sale giochi, scommesse e bingo, disposta dall’art. 3 del provvedimento regionale impugnato”.

Lo evidenziano i giudici del Tar Umbria accogliendo l’istanza di misura monocratica proposta da alcuni operatori del gioco della regione, contro l'ordinanza della governatrice Donatella Tesei che ne ha sospeso l'attività dal 20 ottobre al 14 novembre 2020.

Per leggere il testo integrale del decreto o scaricarlo sul proprio device, clicca qui.
(Il contenuto è visibile solo agli utenti registrati. Per scaricarlo è necessario registrarsi al sito, è semplice e gratuito, per farlo puoi cliccare qui. O, in alternativa, si può accedere direttamente attraverso il proprio profilo Linkedin, Facebook, Twitter o Google).

 

Share