Logo

Vittorio Emanuele Savoia in cella per 'gioco d'azzardo', i giudici: "Niente risarcimento danni"

"Nessun risarcimento". A decretarlo il tribunale civile di Catanzaro, che così risponde alla richiesta di risarcimento danni per ingiusta detenzione avanzata da Vittorio Emanuele di Savoia, finito in carcere per 7 giorni - nell'estate del 2006 - nell'ambito di un'indagine su un presunto giro di gioco d'azzardo avviata dalla Procura della Repubblica di Potenza.

 

Assolto con formula piena nel settembre del 2010, il pretedente al trono d'Italia non otterrà alcun rimborso, poiché la relativa domanda è stata presentata dopo la scadenza dei termini. Oltre al danno, la beffa: i giudici lo hanno 'condannato' a pagare le spese di giudizio, pari a 4.500 euro.

© Copyright 2017 GiocoNews.it powered by GNMedia s.r.l. P.iva 01419700552. Tutti i diritti riservati.