Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Baretta (Mef): ‘Necessario calendario fiscale, anche nel gaming’

  • Scritto da Ac

Sull'inasprimento della tassazione, anche sul gioco, è intervenuto il sottosegretario all’Economia, Pier Paolo Baretta, al convegno di Valore Impresa.

Roma - “L’imprenditore, di qualunque tipo, ha da sempre bisogno di avere visibilità di quella che sono le tasse che dovrà pagare da qui in avanti anche in virtù della progressività degli importi visto che, come emerge dalle ultime manovre di bilancio, lo Stato ha necessità di inasprire la tassazione per l’esigenza di incrementare le entrate.

Per questa ragione la cosa che sto proponendo da qualche tempo, per esempio anche nel gaming, è quello di prevedere un calendario fiscale che possa andare incontro alle esigenze delle imprese visto che si trovano a subire i repentini cambiamenti della fiscalità e spesso, come in questo ultimo momento, anche in maniera frammentata e discontinua a causa delle intemperie politiche e degli avvicendamenti di governo”.
 
È questo uno dei punti toccato dal sottosegretario all’Economia, Pier Paolo Baretta, intervenendo all’evento di Valore Impresa dal titolo: “Un fisco da rottamare per sostenere lo sviluppo” ospitato dall’Aula dei gruppi parlamentari della Camera dei deputati all’interno del quale si è affrontato anche il tema del gioco pubblico.

 

Share