Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Covid, Acadi: 'Contagi in locali gioco, allarme infondato dal Ministero'

  • Scritto da Redazione

L’Associazione concessionari di giochi pubblici ricorda gli stringenti protocolli vigenti per le attività del settore, ritenendo 'sorprendenti' i rischi evocati dal ministero della Salute.

I rischi evocati dal ministero della Salute per gli esercizi e le attività del gioco risultano sorprendenti, in quanto esistono protocolli già visionati dal Cts e applicati con successo, in grado di garantire piena sicurezza a lavoratori e utenti. Non a caso, nelle poche settimane in cui le attività hanno riaperto, lo scorso anno e quest'anno, non si è registrato alcun focolaio. Le attività e gli esercizi che operano nel settore del gioco sono già soggetti a controlli regolari da parte delle Autorità e sono pronte a ogni verifica sanitaria sia prevista dalla legge. Il settore è pienamente disponibile a collaborare nel caso fosse necessario incrementare le ispezioni, poiché considera prioritario contribuire in modo proattivo al contrasto della pandemia”.

Lo sottolinea, in una nota, l'Associazione concessionari di giochi pubblici (Acadi), a proposito del documento elaborato dall’Osservatorio per il contrasto della dipendenza grave ed inviato dal ministero della Salute – Direzione generale della prevenzione sanitaria – a tutti gli assessorati regionali alla Sanità, contenente raccomandazioni per l’adozione di misure urgenti restrittive delle attività che svolgono l’offerta di gioco pubblico legale.

Il documento, pubblicato in anteprima da GiocoNews.it, contiene una serie di “consigli” fondati su non meglio precisate analisi effettuate dallo stesso Osservatorio, che attesterebbero un grave incremento del gioco patologico conseguente al riapertura delle imprese del comparto dopo il lockdown.
 
“Un monitoraggio capillare, a livello sanitario, delle attività legali è strumento determinante nel contenimento del Covid. Al contrario, l’incremento delle sale scommesse illegali, dovuto alle chiusure, ha moltiplicato le situazioni immuni da ogni controllo, a partire da quello sanitario, aumentando il numero di luoghi fuori legge e il rischio di diffusione di contagi. La proliferazione delle attività illegali durante i mesi di chiusura è stata, infatti, più volte rappresentata da voci autorevoli come il procuratore nazionale Antimafia Federico Cafiero De Raho e come il direttore Generale dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli Marcello Minenna. Siamo quindi pronti a un confronto con il ministero della Salute, convinti di condividere l’obiettivo di garantire la salute pubblica tutelando, allo stesso tempo, la sostenibilità delle attività economiche e il diritto al lavoro”, conclude Acadi.
 
Share