Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

La parola all'esperto

Banca contro il Gap, Cardia: “Inibire uso carte di credito per il gioco incentiva illegalità”

“L’iniziativa delle carte di credito determina effetti diversi da quelli dichiarati: incentivazione del gioco illegale e penalizzazione dei giocatori”. Ne è convinto il legale esperto in materia di gioco Geronimo Cardia, che commenta per Gioco News la decisione della Banca popolare dell'Emilia Romagna - promossa un anno fa e rilanciata nelle scorse settimane - di inibire le carte di credito 'standard' verso le operazioni di gioco, ad eccezione tuttavia della carte 'black', riservate ai più facoltosi, o alle prepagate. L'articolo integrale è pubblicato sulla rivista di ottobre (disponibile anche in versione digitale).

  • Scritto da Geronimo Cardia

Rete parallela illegale: il fenomeno impatta su tutto il sistema del gioco lecito

“Le recenti prese di posizione (istituzionali e non) sul fenomeno del gioco non legale, inducono ad una riflessione: a fronte del massimo impegno per il contrasto al circuito non autorizzato di gioco e scommesse, il volume di affari del gioco illegale aumenta (e di parecchio). È quindi evidente che al ‘sistema istituzionale’ manca uno strumento legislativo idoneo che sappia trasformare il ‘massimo impegno’ in una inversione di tendenza (dall’aumento alla rarefazione).

  • Scritto da Redazione

As.Tro: "Aziende del gioco esonerate dallo spesometro per i comma 6"

"Il 31 gennaio l’Agenzia delle Entrate ha accolto l’istanza di esonero per i concessionari, i gestori e gli esercenti limitatamente alle operazioni di raccolta delle somme giocate con gli apparecchi di cui all’articolo 110 comma 6 del Tulps per i rapporti tra gestore esercente e concessionario presentata da AS.TRO il primo marzo 2013. Pertanto i concessionari, i gestori e gli esercenti risultano esonerati dall’invio degli elenchi clienti fornitori in scadenza il 10 aprile 2014 per le aziende con iva mensile nel 2014 e il 22 aprile 2014 per le aziende con iva trimestrale nel 2014 per le operazioni di raccolta delle giocate con gli apparecchi di cui all’articolo 100 comma 6 del Tulps". A comunicarlo è il consulente fiscale dell'As.Tro Marco Minoccheri.

  • Scritto da Redazione GiocoNews

I vincoli di una riforma a costo zero

Nei prossimi mesi il governo sarà chiamato a dare attuazione a quanto prevede la legge delega in materia fiscale, procedendo dunque a una profonda revisione, pure dal punto di vista normativo, del settore dei giochi. La legge votata dal Parlamento ne fissa i paletti fondamentali, ma resta da capire quali perimetri applicativi essi delineano.

  • Scritto da Anna Maria Rengo

Metodologie di controllo aziende gioco: Minoccheri (As.tro) “Opportunità per corretta rilevazione ricavi”

“Con la pubblicazione delle ‘Metodologie di controllo’ relative alle attività di ‘Sale giochi e biliardi’ e ‘Gestione di apparecchi che consentono vincite in denaro funzionanti a moneta o a gettone’ annunciata da Astro nell’articolo del 10 marzo 2014 e pubblicata sul sito dell’Agenzia delle Entrate, vengono finalmente chiariti molti aspetti amministrativo-contabili rimasti fin’ora indefiniti dall’Agenzia delle Entrate ed uniformando così i principi di corretta contabilizzazione dei ricavi delle aziende del settore del gioco”. E' quanto rende noto il consulente fiscale As.Tro, Marco Minoccheri.

  • Scritto da Redazione

Sottocategorie

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.